7 soluzioni salvaspazio per un bagno piccolo

 In #colors

Più di qualsiasi altro luogo della casa, un bel bagno spazioso e curato è da sempre sinonimo di lusso. Ma come fare per rendere speciale e confortevole una stanza da bagno che, volenti o nolenti, si presenta in dimensioni ridotte? Lasciando da parte miracoli improbabili, è comunque possibile migliorare anche sensibilmente l’esperienza quotidiana della toilette domestica. Ecco quindi alcune idee per far sembrare più grande un bagno piccolo.

Tre regole base

Qual è la prima cosa che facciamo appena mettiamo piede in una stanza d’albergo dopo aver lasciato le valigie a terra e fatto un “giro di prova” sul materasso? Ci fiondiamo in bagno. È da quello che, consapevolmente o meno, giudichiamo la qualità di un alloggio. Si può avere un letto oversize e una scrivania da manager di una multinazionale ma se lo spazio dedicato ai servizi e alla toilette non ci convince, un’inevitabile ombra si proietterà su tutto il resto dell’ambiente. E anche se le nostre abitazioni non sono stanze d’hotel, il concetto rimane valido.
Anzi, a differenza di hotel, in casa possiamo intervenire più o meno radicalmente.

Visto che non è possibile aumentare i metri quadrati a disposizione, è bene iniziare a progettare o ristrutturare lo spazio tenendo ben presenti tre regole da seguire: puntare sulla verticalità, organizzare al meglio le superfici e i volumi, studiare la distribuzione degli elementi.

Agevolare il movimento creando un “corridoio” centrale

In un bagno piccolo meglio lasciare un piccolo corridoio centrale

Muoversi agevolmente, anche se l’ambiente è ristretto, è essenziale.
Sono da evitare, quindi, sanitari sproporzionati ed elementi con sporgenze troppo pronunciate.
Va considerata una zona centrale che andrà sempre lasciata libera: una sorta di “corridoio” nel quale spostarsi senza troppa difficoltà.

Qualche suggerimento per tenere al minimo gli ingombri: sanitari sospesi, in modo da dare più respiro alla stanza, e, se possibile, una porta scorrevole, in modo tale da guadagnare lo spazio che altrimenti sarebbe occupato dal raggio di apertura dell’anta.

Massima organizzazione e massima pulizia

Soluzioni salvaspazio per un bagno piccolo: organizzazione e pulizia

Anche se può sembrare banale e scontato, è bene tenere in ordine il bagno, soprattutto se è piccolo. La pulizia e un po’ di metodo renderanno il luogo più piacevole ed elegante e massimizzeranno l’impatto dei piccoli accorgimenti presi per guadagnare spazio.

“Ogni cosa al suo posto” dovrà essere il mantra irrinunciabile, seguito da “solo l’essenziale”.
Per l’organizzazione, il precetto è: “simile va con simile”. Creme con creme, profumi con profumi, asciugamani con asciugamani, ecc.

Una buona idea potrebbe essere quella di puntare su mobili a cassetti invece di quelli ad anta: si sfrutta meglio ogni centimetro quadro a disposizione e si può andare anche in altezza trovando sistemazione a tutti gli elementi indispensabili.

Sfruttare la verticalità come soluzione salvaspazio per un bagno piccolo

In un bagno piccolo si può sfruttare la verticalità

Tutto ciò che non è essenziale avere a terra, può spostarsi sulle pareti con ganci, mensole, piccole nicchie portaoggetti e mobili pensili, in modo tale da lasciare spazio vitale nella parte bassa.

Gli arredi su misura sono ovviamente la soluzione migliore, ma anche con quelli di produzione industriale si possono ottenere ottimi risultati, a patto di non improvvisare e di progettare fin nel dettaglio prima di acquistare e installare.

In un bagno piccolo meglio puntare sui colori chiari

Soluzioni salvaspazio per un bagno piccolo: puntare sui colori chiari

Tonalità scure, sebbene eleganti, potrebbero schiacciare la prospettiva e dare la sensazione di “restringere” ulteriormente una stanza già piccola.
Meglio optare per toni chiari come beige, crema, verde e bianco, che esaltano la luminosità dell’ambiente.

Sono indicate anche le tonalità pastello come quelle delle vernici ad acqua della linea Vintage Prestige, pensate per tutte le superfici — legno, metallo, vetro, muro, plastica e stoffa — e quindi si prestano perfettamente sia per le pareti che per ridare nuova vita a un vecchio mobile.

La luce — naturale o artificiale — è fondamentale per dare l’impressione di uno spazio maggiore di quello effettivo. Se non si hanno finestre, si può ovviare con luci calde da dislocare in diversi punti, così da “allargare” gli spazi.

Attirare l’attenzione

Attirare l'attenzione con qualche elemento per dare l'illusione di maggior spazio in un bagno piccolo

Un trucco efficace è anche quello di trovare elementi che possano calamitare lo sguardo e catturare l’attenzione appena si entra in bagno. Qualche esempio: un lavabo di design o un lampadario d’arredo, ma anche singoli elementi e accessori dai colori vivaci (vasi, cestini, asciugamani e porta-asciugamani).

Qui si può giocare anche con i toni metallici, come quelli delle vernici metallizzate all’acqua di della gamma Rio Verde. Sono finiture che vanno dall’oro bruno all’oro giallo, dall’oro rosa all’oro bianco e all’oro nero, anche queste utilizzabili su tutte le superfici.

Sì alla doccia, no alla vasca in un bagno piccolo

In un bagno piccolo meglio puntare sulla doccia che sulla vasca

A chiunque piacerebbe potersi immergere nella vasca da bagno, magari a idromassaggio, dopo una lunga giornata di lavoro. Ma il benessere quotidiano di un bagno confortevole non va barattato con un optional che è sì (molto) piacevole ma non necessario. Quindi meglio un bagno piccolo con doccia che un bagno piccolo con vasca.

La doccia ha bisogno di meno superficie e offre allo sguardo una sensazione di maggiore agio. Se possibile, è preferibile installarla a filo del pavimento cosicché, con le pareti trasparenti, il colpo d’occhio non venga interrotto da un brusco dislivello. Non cambierebbe nulla a livello di spazio disponibile, ma la percezione dell’ambiente ne risentirebbe radicalmente.

Uno specchio per “allargare” la stanza

Qualche elemento che catturi l'attenzione aiuta a far sembrare più grande un bagno piccolo

Gli specchi aggiungono profondità e moltiplicano la luce naturale. Si può scegliere quelli con cornice, che hanno un effetto decorativo maggiore, o quelli senza cornice, che offrono meno ingombro.

Un piccolo trucco è quello di procurarsi degli arredi con alcune ante o superfici a specchio: in questo modo la luce e i riflessi creeranno prospettive interessanti, dando dinamicità e profondità allo spazio e allo sguardo.

Top Tonalità di blu