Composizione grafica con alcuni degli elementi che rappresentano i colori con la T: tartufo, tronco, terracotta, tortora e tabacco

I colori con la T: dal tabacco al turchese

Tabacco

Un mucchietto di foglie di tabacco essiccate su sfondo marrone
Per ottenere il tabacco si fanno essiccare le foglie di Nicotiana

Il tabacco prende il nome dal tipico colore — un marrone medio, vagamente rossastro o dorato — delle foglie essiccate di Nicotiana, piante originarie del continente americano dalle quali, appunto, si ricava l’omonimo prodotto.

icona_punti_vendita

I negozi di vernici
e i colorifici
più vicini a te

Talpa

Una talpa su sfondo marrone
La pelliccia della talpa dà il nome al colore

In italiano si è iniziato a parlare di color talpa nei primi decenni dell’800, indicando un marrone scuro simile a quello della pelliccia del mammifero che porta lo stesso nome.
Col passare dei decenni, il termine ha iniziato a indicare un’intera gamma di tinte, che vanno dal grigio al rosa, passando per il tortora.

Tanno

Un pezzo di corteccia d'albero su sfondo color tanno
Il tanno è la corteccia polverizzata di alcune piante, usata nella concia delle pelli

La più antica tecnica di concia delle pelli è quella cosiddetta “al vegetale”, che consiste nell’immergere la pelle in vasche contenenti tannini, ricavati dalla corteccia polverizzata di alcune piante. Tale polvere è detta tanno e così si chiama il suo tipico colore, una gradazione chiara di marrone.

Tartufo

Tre pepite di tartufo nero, tra le quali una aperta e affettata, su sfondo color tartufo
Il colore del tartufo dipende dal terreno in cui cresce e dalle piante con cui si lega

Nella palette cromatica della vernice materica Vintage Prestige di Rio Verde c’è la tinta tartufo, che si ispira al marrone scuro desaturato dei preziosi e gustosissimi tuberi (più precisamente dei tartufi neri).

Tè verde

Delle foglie essiccate e sminuzzate di tè e una foglia integra, su sfondo color tè verde
Il tè verde, che dà il nome al colore, è una delle principali varietà della celebre bevanda

Il tè verde è una sfumatura molto chiara di verde, chiamata così perché ricorda quella dell’omonima varietà di tè, che si ricava dalle foglie di Camellia sinensis, trattate con il calore subito dopo la raccolta (il tè nero si ottiene invece lasciando ossidare le foglie, mentre per produrre il tè bianco le si fa essiccare all’aria).

Tenné

Un frammento di corteccia d'albero su sfondo color tenné
Il nome è sinonimo di tanno ma il colore che indica è piuttosto diverso

Come il tanno, il tenné è la corteccia polverizzata impiegata nella concia al vegetale delle pelli. I due termini sono spesso usati come sinonimi ma il color tenné è un marrone molto più intenso e aranciato rispetto al tanno.

Terra d’ombra

Della polvere di pigmento di terra d'ombra su sfondo marrone
Il terra d’ombra è uno dei più antichi pigmenti usati dall’uomo

Considerato come uno dei pigmenti inorganici più antichi tra quelli usati dall’uomo, il terra d’ombra è un ossido idrato di ferro e manganese. Il colore che se ne produce è un marrone scuro, spesso utilizzato in pittura per le ombre: da qui il nome, che però spesso viene indicato come terra d’Umbria, per via della presenza del minerale in zona. Questa tinta ha in realtà molti altri nomi, tra i quali bruno di Roma, bruno di Sicilia e bruno di Turchia, quest’ultimo dovuto al fatto che il pigmento veniva e viene ancora importato principalmente da Cipro.

Terra di Cassel

Un mucchio di pigmento di terra di Cassel su sfondo bruno
Il terra di Cassel è un pigmento che fu molto usato nella pittura fiamminga e olandese

Il terra di Cassel è un pigmento inorganico di color bruno. È composto da ligniti, torba, sostanze organiche e una minima percentuale di ossido di ferro.
Molto usato dai pittori del ‘600 (Van Dyck, Vermeer, Rembrandt). Il nome deriva probabilmente dall’omonima località dell’Alta Francia.

Terra di Siena

Del pigmento di terra di Siena su sfondo dello stesso colore
In epoca medievale il territorio dove si estraeva il pigmento colorante apparteneva alla Repubblica di Siena, da qui il nome “terra di Siena”

Fin dall’antichità, alle pendici occidentali del Monte Amiata, si estraeva una terra impiegata come colorante. Caratterizzato da tonalità che vanno dal bruno al giallo, passando per il rosso, il pigmento ha preso il nome di terra di Siena perché il territorio d’origine apparteneva, in epoca medievale, alla Repubblica di Siena.
Vi sono diverse varianti, tra le quali terra di Siena bruciata e terra di Siena scura.

Terracotta

Un vaso di terracotta su sfondo rosa-arancio
Si indica come terracotta un gamma di colori che ricordano quelli dell’omonimo materiale

Terracotta indica una gamma di colori terrosi, rosati e/o aranciati, che ricordano l’omonimo materiale ceramico, ottenuto dalla cottura dell’argilla. Sono quasi 30 mila anni che l’uomo conosce questa tecnica e produce manufatti in terracotta.

Testa di moro

Vaso tradizionale con testa di moro, su sfondo marrone
Per lungo tempo i popoli magrebini sono stati definiti “mori” nel linguaggio popolare

Si chiama testa di moro un marrone scuro che rimanda idealmente all’incarnato dei popoli magrebini, per lungo tempo definiti mori nel linguaggio popolare.
Il nome del colore è usato soprattutto per indicare quello del cuoio e delle tinture per capelli.
Nell’artigianato tradizionale siciliano, le teste di moro sono delle coppie di vasi, uno a rappresentare un volto maschile (un moro), l’altro femminile (una ragazza siciliana).

Tortora

Una tortora su sfondo color tortora
Il tortora è uno dei colori più gettonati per il design di interni

Si indica come tortora una gamma di sfumature tra il grigio e il marrone, che ricordano parte del piumaggio dell’uccello che porta lo stesso nome.
È una tonalità molto di tendenza negli ultimi anni, specialmente nel mondo della moda e dell’interior design.

Tronco

Sezione di un tronco d'albero, con i suoi anelli, su sfondo color tronco
Il colore tipico di un tronco dà il nome all’omonima tonalità

Il tronco è una tonalità di marrone medio-scura che assomiglia a quella della corteccia di alcuni alberi.

Turchese

Una pietra di turchese su sfondo color turchese
Il turchese deriva dall’omonima pietra, che però non arriva dalla Turchia

Un ciano vagamente tendente al verde si chiama turchese, come l’omonima gemma, caratterizzata dalla medesima sfumatura.
La pietra ha questo nome perché in passato si estraeva in Persia ma arrivava in Europa passando dalla Turchia: da questo malinteso, nel ‘300 è stata chiamata dai francesi pierre turquoise (“pietra turchese”) e l’uso si è poi allargato anche ad altri paesi, tra cui l’Italia.

Non solo colori con la T

Che inizino con la T oppure con la A, la B, la M o la Z, i più interessanti colori di tendenza li troviamo nella linea di vernici materiche Vintage Prestige di Rio Verde. Si tratta di prodotti all’acqua, che non presentano sostanze dannose per l’ambiente e le persone, e che si possono utilizzare su molti materiali — legno, metallo, vetro, plastica, tessuto e muro — anche senza carteggiare.

icona_punti_vendita

I negozi di vernici
e i colorifici
più vicini a te

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

write_mail

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

#colors / Primo piano
Con le sue note terrose, il giallo ocra è uno dei colori preferiti per l'arredamento contemporaneo. Vediamo come abbinarlo.
News & Views / Primo piano
Molto utilizzati in arredi d'ispirazione industriale, gli armadietti metallici si abbinano a diversi stili di interior design.
#colors / News & Views / Primo piano
Sempre più diffusa, la cucina nera è sinonimo di eleganza e si può abbinare a molti stili di arredo e con molti altri colori.
Primo piano
Talvolta è difficile orientarsi nella moltitudine di stili di arredamento contemporanei. Ecco quindi spiegati i più diffusi degli ultimi anni.
#colors / Primo piano
A lungo ostracizzato nel design di interni, l'arancione, in tutte le sue sfumature, è il grande protagonista degli ultimi anni.
Primo piano
Senza tempo e sempre elegante, nella sua essenzialità, lo stile Mid-Century non passa mai di moda e si può integrare in molti stili d'arredo.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita