Restaurare un gazebo in legno con Hi-Deck Hydro Oil

Nel video di questa settimana vi mostreremo, passo per passo, come eseguire il restauro di un gazebo in legno in modo professionale.

Il gazebo che andremo a restaurare presenta evidenti segni di usura e invecchiamento, muffe e funghi, dovuti a una cospicua e prolungata esposizione agli agenti atmosferici.

Per questo importante lavoro abbiamo scelto un prodotto altamente performante: Hi-Deck Hydro Oil per decking.

Hy-Deck Hydro Oil è fortemente resistente all’acqua e ai raggi UV, contiene un potente agente fungicida e protegge il legno da muffe e funghi. Offre un’ottima impermeabilizzazione e rende la superficie antisdrucciolevole.

Questo olio all’acqua per pavimentazioni da esterno si autoconsuma (non sfoglia e si consuma gradualmente) consentendo di rinnovare il trattamento senza carteggiatura; basterà, quindi, riapplicare il prodotto sulla superficie per ottenere un risultato duraturo e ottimale.

La facilità d’applicazione e la straordinaria resa lo rendono un prodotto di altissima qualità, assolutamente da provare.

Prima del restauro Hy-Deck Hydro Oil

MATERIALI:

Quantità: da 6 a 10 mq. al litro per la prima mano, da 12 a 20 mq. al litro per la seconda mano ( i quantitativi variano in rapporto a tipo di legno da trattare).

Hi-Deck Hydro Oil Restauro Gazebo

ATTREZZI:

  • Carteggiatrice a nastro
  • Carteggiatrice orbitale con platorello triangolale piccolo (per i dettagli)
  • Carta abrasiva grana 100 (adatta se il fondo ligneo si presenta molto vecchio e coriaceo) o 150 (se la superficie da trattare è più delicata)
  • Aspirapolevere
  • Pennello
  • Raschietto con lama
  • Taglierino con lama grande
  • Telo di feltro o cartone

Livello di difficoltà: medio

http://youtu.be/-hHNFvTDqGc"]COME FARE:

FASE 1: CARTEGGIATURA PALI E PAVIMENTO (vedi video dedicato alla carteggiatura)

  • Prendiamo la carteggiatrice a nastro con carta abrasiva grana 100, colleghiamola all’aspirapolvere, e carteggiamo con cura pali e pavimento. Ricordiamoci di carteggiare rispettando sempre il verso delle venature naturali del legno, questo ci permetterà di non mostrare segni di abrasione. La carteggiatrice a nastro ci servirà per levigare le superfici più estese.
  • Prendiamo la carteggiatrice orbitale con platorello triangolare piccolo e usiamola per i dettagli: intercapedini, fughe, angoli. Se necessario aiutiamoci con un raschietto a lama o un taglierino.
  • Puliamo minuziosamente la superficie del gazebo con l’aspirapolvere; è necessario che non vi siano residui di pulviscolo prima della verniciatura.

FASE 2: VERNICIATURA PALI E PAVIMENTO – PRIMA MANO (vedi video dedicato alla verniciatura – parte 1)

  • Prendiamo una latta di Hy-Deck Hydro Oil (RK 1000) e iniziamo la verniciatura del gazebo a partire dai pali, avendo l’accortezza di proteggere la zona sottostante con un telo di feltro o del cartone, così da evitare schizzi e imperfezioni.
  • Continuiamo l’operazione di verniciatura sulla pavimentazione, l’operazione può essere realizzata sia a rullo che a pennello, a seconda della necessità.
  • Lasciamo essiccare da 1 a 4 ore prima di procedere con la mano successiva.

FASE 3: VERNICIATURA PALI E PAVIMENTO- SECONDA MANO (vedi video dedicato alla verniciatura – parte 2)

  • Prendiamo una latta di Hy-Deck Hydro Oil e ripetiamo l’operazione di verniciatura sopra descritta.
  • Lasciamo essiccare 24 ore.

Voilà, il restauro del gazebo in legno è ultimato!

Alla prossima settimana con il riciclo creativo e le vernici all’acqua di Rio Verde.

Giulia e Davide
blog@rioverde.rennercustomerservice.com
2015 © riproduzione riservata

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

Primo piano
Il mordente per legno è un tipo di prodotto che si usa per cambiare colore mantenendo visibili le venature del legno.
#colors
Conosciuta come la “Venezia polacca” e la “città degli gnomi”, Breslavia è anche celebre per i suoi splendidi edifici color pastello.
#colors
Meglio toni caldi o freddi? Ecco alcuni consigli per i colori della cucina, in base a spazi e gusti e sempre alla ricerca dell'equilibrio.
News & Views / Primo piano
Una delle strategie più gettonate dagli interior designer su Instagram è evidenziare una singola parete di un ambiente: ecco il feature wall.
News & Views / Primo piano
Considerato sinonimo di opulenza ed eccesso, il barocco è ritornato in forma contemporanea e più essenziale: il barocco moderno.
#colors
Un tempo residenza degli schiavi musulmani, oggi il quartiere Bo-Kaap di Città del Capo è una delle zone più colorate del Sudafrica.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita