Salotto moderno su toni del marrone con grande parete decorata con carta da parati con pattern botanico (grandi foglie su fondo verde profondo), con sofà e poltrone con cuscini a motivi pied-de-pule e tropicali, e grande lampadario in legno

13 regole da seguire per un perfetto “feature wall”

Con oltre 450.000 post su Instagram l’hashtag #FeatureWall è uno dei più gettonati tra i profili che si occupano di arredamento e tra gli influencer che lavorano nel campo dell’interior design. Ma che cos’è un “feature wall”? È la parete protagonista di un ambiente, quella che calamita gli sguardi e l’attenzione. Il luogo perfetto da incorniciare con uno scatto da postare online. E — a giudicare dalle centinaia di migliaia di foto — sembra che un salotto, una sala da pranzo o una camera da letto non possano considerarsi degne di un po’ di celebrità sul web se non ne hanno una.

Una galleria di ispirazioni per un feature wall

Salotto vintage con poltrone diverse e colorate, separato da un altro ambiente attraverso una parete con carta da parati decorata con motivo botanico bianco e verde

Una carta da parati a motivi botanici separa la zona salotto dal resto dell’ambiente.

Salotto moderno arredato in stile scandinavo e con diversi ambienti, separati da una parete color verde con quadro a linee geometriche dorate che richiama i tavolini da caffè minimali e il lampadario dello stesso colore. Il sofà è grigio e sullo sfondo si intravede un ambiente con pareti grigie e uno scaffale pieno di piante e soprammobili

Anche qui il feature wall serve a separare le zone di una stanza e incornicia il sofà, richiamando gli accessori (lampada, lampadario, sedia e tavolini da caffè) con un quadro che ne ricorda colori e geometrie.

Salotto in stile scandinavo con sofà grigio e parete di fondo grigio scuro con cornici vintage e una grande stampa floreale applicata al muro

Non è necessario intervenire su un’intera parete. A volte bastano semplicemente porzioni di muro.

Angolo studio con scrivania e sedia, davanti a una porzione di parete decorata con sottili elementi in legno evidenziati e illuminati da luci dal basso verso l'alto

Con le luci a LED si può sottolineare la parete rendendola ancora più in evidenza.

Salotto minimale con nicchia tondeggiante rientrante, che presenta una parete differente dalle altre, con listelli in legno, e ospita unicamente un lampadario a quattro globi

Anche un nicchia a contrasto con il resto dell’ambiente può svolgere le funzioni di un feature wall.

Mini-salotto all'ingresso, sistemato in fondo alle scale che salgono al piano superiore ed è evidenziato da una parete scura a contrasto col resto dell'ambiente che invece è tutto sul bianco

Un mini-salotto all’ingresso, definito proprio grazie all’uso di una piccola parete d’accento.

Luminosa camera da letto con grande finestra e parete dietro al letto decorata con geometrie tondeggianti a rilievo

Oltre ai colori, si può anche giocare sui materiali e sulla tridimensionalità.

Cameretta dei bambini con parete d'accento beige e triangolo giallo. I mobili sono essenziali e in stile nordico e c'è un tappeto multicolore

Una semplice geometria per rendere protagonista una delle pareti di una cameretta.

Che cos’è il feature wall?

Grande mansarda open space sui toni del bianco, con parete d'accento color magenta e salotto moderno sui toni del grigio con mobili bianchi a contrasto con la parete colorata

Il termine inglese feature ha molti significati. Uno di questi è “caratteristca”, o “carattere”. Si tratta dunque di una parete che spicca, che risalta su tutte le altre. Chiamata anche accent wall (parete d’accento) o statement wall, è in effetti una sorta di carta d’identità dello stile della propria casa.
L’idea è creare un impatto visivo che dia movimento e dinamismo all’ambiente, e conferisca una certa personalità a tutto l’insieme.
Ci sono molti modi per farlo. I principali sono:

  • usare un colore a contrasto rispetto alle altre pareti;
  • puntare su una carta da parati;
  • decorare con forme geometriche;
  • impiegare un altro materiale: ad esempio applicare una boiserie in legno, lasciare dei mattoncini a vista, costruire una parete in pietra.

Perché crearne uno

Camera da letto luminosa con parete dietro al letto decorata con una composizione di assi di legno installate in verticale e dalle lunghezze irregolari

  • È tra i modi meno costosi per rinfrescare un ambiente senza dover intervenire su tutta la stanza.
  • Attraverso la dissonanza, dà allo spazio maggior profondità.
  • Aiuta a separare visivamente una zona.
  • Può dare l’illusione di avere spazi più grandi di quanto siano in realtà.
  • È il perfetto angolino “instagrammabile”.

Il metodo più economico è sicuramente verniciare la parete. Si può pensare a una tinta unita oppure, come già accennato, a semplici geometrie.
Come già spiegato in un altro articolo, per verniciare piccole aree di muro è possibile adoperare le vernici all’acqua Vintage Prestige di Rio Verde. Queste sono disponibili in diverse tinte pastello. Si possono utilizzare su diversi materiali — legno, metallo, plastica, stoffa, vetro e muro — ma, non essendo traspiranti, per quest’ultimo supporto sono consigliate solo per interventi minori, come appunto parte di una parete.

Le 13 regole da seguire

Salotto sotto a un soppalco, tutto sui toni del grigio con parete con mattoni a vista e parquet bianco

  • Non dev’esserci per forza un feature wall in ogni stanza.
  • Alcune stanze si prestano meglio: salotto, sala da pranzo, camera da letto.
  • Non creare MAI più di un feature wall in un ambiente: il risultato sarebbe un eccesso di stimoli e troppa confusione visiva.
  • Se si sceglie di usare colori a contrasto, meglio optare per un complementare rispetto alle tinte delle altre pareti.
  • Ma non è obbligatorio puntare su tonalità contrastanti. Un feature wall può anche essere “sottile” e appena accennato (ad esempio usando un tono diverso di un medesimo colore).
  • Il feature wall non deve entrare in competizione con altre zone che presentano elementi che attirano l’attenzione. Il muro d’accento dovrà essere quello che già da prima catturava naturalmente lo sguardo (ad esempio dove c’è un caminetto, oppure una grande tv). Saranno dunque gli arredi e l’architettura del luogo a guidare la scelta.
  • In ambienti molto carichi di elementi il feature wall è altamente sconsigliato.
  • Un feature wall in una stanza già molto piccola la farà sembrare ancora più claustrofobica.
  • Il feature wall può anche essere lasciato spoglio, quindi senza mensole o quadri.
  • Non deve necessariamente coprire l’intera parete, ma anche solo un porzione.
  • Le piante sono sempre delle ottime alleate.
  • L’illuminazione deve fare da “complice” per incorniciare e mettere in evidenza lo spazio.
  • Il feature wall non è solo per interni. Lo si può immaginare anche per il giardino o la terrazza.
icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

En plein air / Primo piano
Con lo smart working in aumento, c'è sempre più richiesta di spazi domestici in cui lavorare. Il garden office può essere una soluzione.
Primo piano
Il mordente per legno è un tipo di prodotto che si usa per cambiare colore mantenendo visibili le venature del legno.
#colors
Conosciuta come la “Venezia polacca” e la “città degli gnomi”, Breslavia è anche celebre per i suoi splendidi edifici color pastello.
#colors
Meglio toni caldi o freddi? Ecco alcuni consigli per i colori della cucina, in base a spazi e gusti e sempre alla ricerca dell'equilibrio.
News & Views / Primo piano
Una delle strategie più gettonate dagli interior designer su Instagram è evidenziare una singola parete di un ambiente: ecco il feature wall.
News & Views / Primo piano
Considerato sinonimo di opulenza ed eccesso, il barocco è ritornato in forma contemporanea e più essenziale: il barocco moderno.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita