Certificazione FSC

Certificazione FSC: un tassello fondamentale per proteggere l’ambiente

Che cos’è e come si ottiene la Certificazione FSC

Oggi per la nostra rubrica “Save the Planet” ci occupiamo della certificazione FSC con il preciso obiettivo di spiegare esattamente di cosa si tratti e dare conto dell’importanza di questo tipo di certificazione.

Che cos’è l’FSC

FSC acronimo di Forest Stewarddship Council, è un’organizzazione non governativa, no profit, Internazionale che nasce nel 1993. L’obiettivo fondamentale che guida l’attività di questo organismo è una gestione responsabile del patrimonio naturale mondiale riguardo foreste e piantagioni.

Al suo intero FSC conta sulla collaborazione e l’attività di oltre 900 membri, fra i quali: ONG, gruppi ambientalisti, come Greenpeace e WWF, il National Aboriginal Forestry Association of Canada e i grandi proprietari forestali; fondamentale anche il contributo del mondo dell’industria, con aziende specializzate nella produzione della carta e con la grande distribuzione, così come il decisivo apporto della ricerca con studiosi, ricercatori e tecnici specializzati.

FSC ha dato vita a un sistema di certificazione forestale riconosciuto a livello Internazionale che garantisce la provenienza del legno e del non legno da foreste e piantagioni adeguatamente gestite e sfruttate. L’acquisto di materiale certificato FSC è da ormai da anni una modalità attraverso la quale possiamo dare il nostro contributo e sostegno a modalità di lavoro rispettose degli equilibri naturali dell’ambiente.

Certificazione FSC legno e non legno
Legno certificato FSC

La certificazione FSC

Si tratta, come anticipato, di una certificazione Internazionale espressamente dedicata ai prodotti forestali, legno e non legno, (come la carta). È una certificazione indipendente e di terza parte, dunque non collegata a interessi particolari se non quelli di tutela del patrimonio ambientale.

Esistono due differenti tipologie di Certificazioni FSC.

La prima, la Certificazione di Gestione Forestale, è espressamente destinata a proprietari e gestori forestali; la sua funzione è garantire che piantagioni e foreste siano gestite secondo rigorosi standard ecologici, economici e sociali. Questi standard sono delineati in 10 Principi e 56 Criteri definiti da FSC e mantenuti costantemente aggiornati grazie all’impegno dei suoi membri. I P&C sono il riferimento internazionale per qualsiasi certificazione e a partire da essi vengono sviluppati ulteriori indicatori a livello nazionale che tengono conto delle specificità territoriali.

La certificazione di Gestione Forestale può essere Individuale, se certifica una singola piantagione o foresta; di Gruppo se si riferisce con lo stesso documento a più unità; SLIMF, Small and low intensity Forests, quando è espressamente pensata per piccole entità forestali caratterizzate da bassa intensità di prelievo.

La seconda tipologia di certificazione è la Certificazione di Catena di Custodia con la quale si garantisce la costante rintracciabilità dei materiali legnosi e non legnosi provenienti da foreste e piantagioni certificate FSC. Grazie a questa certificazione è possibile apporre l’etichetta FSC sui prodotti e vendere gli stessi come articoli certificati. La possibilità per un’azienda di conseguire e apporre il marchio FSC sui propri articoli diventa anche una modalità di comunicazione verso i consumatori, per informarli della propria politica aziendale rispetto alla sostenibilità ambientale.

Come nel caso precedente anche la Certificazione di Catena di Custodia può essere individuale, nel caso di singole organizzazioni; di gruppo, nel caso di più organizzazioni con certificazioni multisito; di singoli progetti, se applicati a specifici comparti con i relativi standard, si prenda il caso dell’edilizia.

Come conseguire la certificazione

Le imprese che intendano procedere alla certificazione FSC potranno verificare gli standard richiesti per conseguire il documento intercettando norme e requisiti da soddisfare. Per verificare la propria conformità al profilo richiesto o implementare gli elementi necessari a raggiungerlo, l’azienda potrà avvalersi sia della collaborazione di un consulente sia procedere in autonomia.

La domanda dovrà essere inoltrata presso un ente di certificazione accreditato. A seguito delle opportune verifiche svolte dall’ente stesso circa i requisiti richiesti, la certificazione viene conseguita.

Il valore della stessa è di cinque anni nel corso dei quali si è soggetti a controlli e verifiche dagli enti preposti.

I vantaggi della certificazione

Aziende che puntano sulla qualità e la sostenibilità ambientale

Il conseguimento della certificazione FSC consente alle aziende di vendere prodotti con l’etichetta FSC e il proprio codice univoco. In considerazione della grande autorevolezza di cui gode l’organizzazione a livello internazionale per la serietà e il rigore del suo impegno, oltre a comunicare i propri valori in modo deciso e altamente qualificante, sono rilevanti anche i vantaggi in termini di mercato.

Molte grandi aziende internazionali privilegiano l’acquisto di prodotti certificati FSC, come del resto gli stessi standard sul green building ne prevedono l’impiego. Sempre più governi e amministrazioni pubbliche ne adottano l’utilizzo e conseguentemente per le Aziende che si dotano di queste certificazioni si apre una fascia di mercato considerevole.

icona_punti_vendita

I negozi di vernici
e i colorifici
più vicini a te

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

write_mail

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

#colors / Primo piano
Con le sue note terrose, il giallo ocra è uno dei colori preferiti per l'arredamento contemporaneo. Vediamo come abbinarlo.
News & Views / Primo piano
Molto utilizzati in arredi d'ispirazione industriale, gli armadietti metallici si abbinano a diversi stili di interior design.
#colors / News & Views / Primo piano
Sempre più diffusa, la cucina nera è sinonimo di eleganza e si può abbinare a molti stili di arredo e con molti altri colori.
Primo piano
Talvolta è difficile orientarsi nella moltitudine di stili di arredamento contemporanei. Ecco quindi spiegati i più diffusi degli ultimi anni.
#colors / Primo piano
A lungo ostracizzato nel design di interni, l'arancione, in tutte le sue sfumature, è il grande protagonista degli ultimi anni.
Primo piano
Senza tempo e sempre elegante, nella sua essenzialità, lo stile Mid-Century non passa mai di moda e si può integrare in molti stili d'arredo.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita