FABIO CLAUSER, CENTO ANNI AL SERVIZIO DELL’AMBIENTE

Lo scorso luglio 2017, la foresta di Sasso Fratino (in provincia di Forlì-Cesena) è stata riconosciuta dall’Unesco come “patrimonio naturale dell’umanità”. Se questo lembo di terra – situato all’interno del Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, area protetta divisa tra Romagna e Toscana – è riuscito a raggiungere un risultato così prestigioso, gran parte del merito va dato a Fabio Clauser. Nel 1959, Clauser – all’epoca dei fatti amministratore delle Foreste casentinesi – riuscì infatti a impedire, a seguito di una lunga battaglia, che quest’area del Parco subisse i disboscamenti previsti dal piano di gestione forestale voluto dalla direzione nazionale dell’azienda demaniale di Roma. Nel dicembre dello stesso anno, la foresta venne dichiarata “riserva naturale integrale”, la prima in Italia ad ottenere tale titolo. Nel 1985, poi, ha ricevuto il Diploma europeo delle aree protette, importante riconoscimento insignito dal Consiglio d’Europa. Ancora oggi, è uno dei pochi ecosistemi intatti del vecchio Continente.

GLI INCARICHI PRESTIGIOSI RICOPERTI

Parco Nazionale Foreste Casentinesi

Lo scorso ottobre, Clauser ha raggiunto un altro traguardo non comune: le 100 candeline. Nato in provincia di Trento, il forestale si è stabilito per oltre mezzo secolo al confine tra Romagna e Toscana per questioni professionali. Durante la sua lunga vita ha ricoperto diversi e prestigiosi incarichi: direttore del parco nazionale dello Stelvio, dirigente del Ministero agricoltura e foreste, amministratore delle Foreste casentinesi per ben 28 anni (dal 1955 al 1973) e – dopo la pensione, raggiunta nel 1984 – consigliere del Parco nazionale delle Foreste casentinesi monte Falterona e Campigna dal 1993 al 2003.

PIONIERE DELLA SALVAGUARDIA AMBIENTALE

Parco Nazionale Foreste Casentinesi

Clauser è considerato uno dei pionieri della sensibilizzazione al tema della salvaguardia ambientale, anche in un periodo come gli anni ’50, in cui l’attenzione sull’argomento era sostanzialmente inesistente. Tra i primi a denunciare la dannosità delle sostanze inquinanti presenti nell’atmosfera per le foreste, Clauser ha scritto numerosi articoli scientifici e libri sul tema.

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

En plein air / Primo piano
Con lo smart working in aumento, c'è sempre più richiesta di spazi domestici in cui lavorare. Il garden office può essere una soluzione.
Primo piano
Il mordente per legno è un tipo di prodotto che si usa per cambiare colore mantenendo visibili le venature del legno.
#colors
Conosciuta come la “Venezia polacca” e la “città degli gnomi”, Breslavia è anche celebre per i suoi splendidi edifici color pastello.
#colors
Meglio toni caldi o freddi? Ecco alcuni consigli per i colori della cucina, in base a spazi e gusti e sempre alla ricerca dell'equilibrio.
News & Views / Primo piano
Una delle strategie più gettonate dagli interior designer su Instagram è evidenziare una singola parete di un ambiente: ecco il feature wall.
News & Views / Primo piano
Considerato sinonimo di opulenza ed eccesso, il barocco è ritornato in forma contemporanea e più essenziale: il barocco moderno.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita