Friluftsliv: una nuova tendenza che viene dalla Norvegia

Sembra una parola inventata appositamente per creare problemi di pronuncia ma in realtà il friluftsliv è una delle tendenze più in voga al momento. Non si tratta di un trend strettamente relativo all’arredamento quanto piuttosto un vero e proprio stile di vita.
Identifica quella voglia di stare nella natura, magari selvaggia. Di allontanarsi dalla città, dai tablet e dai computer, per respirare aria fresca e liberarsi da stress, impegni e lavoro. E questo a prescindere dal clima e dal meteo: lo spirito friluftsliv è quello che sa apprezzare anche una giornata di pioggia, di freddo o di nebbia. Non è necessario che vi sia uno scopo preciso: l’importante è godere dell’attimo.

Come capita spesso, laddove c’è uno stile di vita, questo viene trasportato e tradotto anche nel modo di vivere e arredare la casa.

Una galleria di ispirazioni a tema friluftsliv

Luminoso ingresso di un'abitazione arredato in maniera molto essenziale, con soffitto con travi a vista bianche, pavimento in parquet, un sofà, una grande pianta da interni, un tappeto, due grandi finestre e una parete trasparente in plexiglass o vetro che separa la stanza dalla porta d'ingresso

Un luminoso ingresso, arredato in maniera molto essenziale. L’atmosfera è disegnata più che altro dalla luce, dalle trasparenze e dalla grande pianta da interni.

Una porta-finestra aperta su un balcone con ringhiere in metallo verde e un panorama esterno pieno di natura

Uno dei punti fermi del concetto di friluftsliv è il contatto con la natura. In casa, questo significa anche farla entrare da fuori. Qui il balcone, grazie alla grande finestra, è un’ideale estensione dell’ambiente interno, e viceversa.

Salotto minimale con divano in stile scandinavo, camino squadrato d'angolo, un grande quadro che domina la parete bianca, pavimento a parquet, mensole piene di piante e una grande finestra orizzontale che dà su un giardino

Il salotto è dominato da una grande finestra orizzontale, richiamata dal grande quadro che risalta sulla parete. Pochi arredi e pochi accessori: a decorare ci sono le piante e — di nuovo — la luce.

Stanza da bagno molto luminosa, nei toni del bianco e del legno, con un grande finestrone, uno specchio con la cornice antica, una vasca da bagno bianca minimale e molte piante

Un bagno immerso nella luce. Gli elementi sono ridotti al minimo ma l’atmosfera è resa accogliente dalle piante e dai materiali naturali.

Donna che si sgranchisce le mani mentre lavora al computer nel suo accogliente e luminoso ufficio casalingo pieno di piante in vaso

Un ufficio domestico dà alle ore di lavoro tutto un altro “mood” se si riesce a rendere lo spazio luminoso e si porta tra le mura di casa un po’ di natura attraverso delle piante in vaso.

Da dove viene questo stile?

Una giovane famiglia con padre, madre e figlia sorridenti e abbracciati nella neve

Friluftsliv è una parola scandinava — più precisamente norvegese — che significa letteralmente “vita all’aperto”. Si pronuncia esattamente come si scrive (staccando i tre termini che la compongono è più semplice: friluftsliv).
Pare che il primo a usarla come termine a sé sia stato il grande drammaturgo e poeta norvegese Henrik Ibsen. In un poema del 1859 intitolato På Viddene, cioè “Sulle cime”, in un verso scrisse «vita all’aria aperta per i miei pensieri» (ma nelle traduzioni italiane il verso viene generalmente reso — con molta libertà — «come lascio che l’anima mia s’elevi liberamente»). Nella sua opera Ibsen raccontava il viaggio lungo un anno di un contadino nella natura selvaggia, che culmina con il distacco totale dalla civiltà.

Da allora il concetto è diventato centrale nella cultura norvegese e in quella scandinava più in generale, e usato soprattutto come elemento su cui puntare nei depliant turistici. Ma come mai è arrivato solo ora nelle riviste e sui siti di arredamento? C’è lo zampino della pandemia e dell’isolamento domestico: dopo i primi lockdown, mentre montava la generale insofferenza per lo starsene obbligatoriamente chiusi tra quattro mura, si è fatto via via sempre più deciso il desiderio di natura, di spazi aperti e di libertà. Le cicliche mode del design di interni non hanno fatto altro che assorbire questa spinta e riproporla in forma di spunti, consigli e regole da applicare agli spazi domestici.

Quali sono le caratteristiche del friluftsliv nell’arredamento?

Salotto in stile scandinavo con molte piante, un grande divano, dei tavolinetti da caffè circolari e una grande e luminosa finestra che dà su un panorama alberato

Friluftsliv in arredamento è diventato “natura in casa”, legame tra esterno e interno, architetture immerse nel verde. Idealmente si tratta di “abbattere” i muri che dividono il fuori dal dentro.
Quindi:

  • grandi finestre affacciate su paesaggi verdi e rilassanti, luce naturale;
  • una predilezione per la luce naturale;
  • una grande importanza data al comfort;
  • L’uso (non eccessivo) di carte da parati a tema botanico e floreale.
  • accessori che richiamano la natura.
  • un giardino con nicchie luminose e “selvagge” in cui rifugiarsi.
  • piante in casa, in ogni stanza e mille modi: a terra, sulle mensole, appese al soffitto.
  • il saper sfruttare terrazzi e balconi tutto l’anno, allestendoli in modo da poterli vivere anche d’inverno o con la pioggia.

In pratica è una versione più essenziale e “scandinava” dello urban jungle.

I colori e i materiali più indicati per il friluftsliv

Luminosa stanza da bianco sui toni del bianco e del legno, con molte piante, anche su una mensola sopra al letto

Per quanto riguarda i materiali, non possono che essere quelli naturali: legno, ovviamente, e poi vimini, rattan, sughero, lino, cotone, iuta.
Il legno lo ritroviamo anche nei pavimenti, insieme a cotto rustico e ceramica, in base a gusti, stili e zona geografica.

Per quanto riguarda gli arredi, i complimenti e gli accessori, meglio non abbondare. Si punta, piuttosto, a togliere e a rendere più essenziale. Se interno ed esterno sono idealmente collegati, meglio oggetti polifunzionali, facili da trasportare in diversi ambienti.

I colori saranno quelli che richiamano la natura: le tonalità del verde, quelle della terra, e soprattutto quelle naturali dei materiali, su tutti il legno.
Si prediligeranno tinte chiare e pochi contrasti, all’insegna dell’armonia e della semplicità.
Per dare luminosità si può usare il bianco, ma non guastano tocchi di nero e di colore (ma non troppo vivaci).

Ben vengano i vecchi mobili da rinnovare. In tal caso consigliamo le vernici Vintage Prestige della gamma Rio Verde di Renner Italia, soprattutto nelle tonalità del Lattementa, del Nocciola, del Vaniglia, del Cocco, dell’Anice, del Tartufo e del Marzapane. Si tratta di vernici a base acquosa ad altissima copertura, e possono essere usate senza carteggiare. Sono inoltre inodori e a e scarse emissioni COV, e non fanno male alle persone né all’ambiente.

Creare in casa, in giardino o sul balcone un angolo friluftsliv in cui rifugiarsi

Vista dall'alto su un giardino o un balcone pavimentato a parquet. C'è una donna bionda sdraiata che sorride rilassata guardando il cielo. Dietro di lei una panca in legno con sopra un computer portatile

Se nella propria abitazione non si ha la possibilità di trasformare un ambiente seguendo questo concetto, è comunque possibile applicarli ad altri spazi: un vecchio capanno in giardino, una stanza della casa in montagna, al lago o al mare. Ma va benissimo anche un qualsiasi balcone, che potrà diventare una nicchia di pace in cui passare qualche ora a leggere un libro, ad ascoltare musica, o semplicemente a guardare il cielo.

La filosofia friluftsliv non ha troppe pretese. Basta liberarsi della tecnologia che richiama costantemente la nostra attenzione, togliere il superfluo e imparare a godersi il momento, lasciando andar via lo stress e senza preoccuparsi troppo del clima.

Padre e figlio all'aria aperta sotto la pioggia, felici e avvolti in un impermeabile giallo

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

#colors
Vietri sul Mare, il più grande centro della costiera amalfitana, non è conosciuto solo per le bellezze naturali ma anche per le ceramiche.
Primo piano / Suggerimenti
Scopriamo insieme come sverniciare il legno in modo naturale. Le principali tecniche, gli attrezzi, i trucchi del mestiere per sverniciare velocemente e le pratiche ormai desuete.
News & Views
Il mercato dei vinili è ancora una nicchia, ma in costante aumento. E c'è sempre più gente che dedica un angolo della casa al giradischi.
News & Views / Primo piano
Il Milano Design Film Festival è un evento unico nel suo genere e porta in Italia film da tutto il mondo dedicati ad architettura e design.
News & Views
Protagonista dei cataloghi di arredamento e delle pagine delle riviste di design, il divano senape si abbina a moltissimi stili e colori.
News & Views / Primo piano
Nato nell'omonima città messicana, lo stile Mérida è frutto della fusione tra tradizioni e contemporaneità.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.