Angolo di un salotto con una poltrona circolare circondata da piante, in perfetto stile urban jungle

Arredare la casa in stile urban jungle

Si tratta di arredare la casa utilizzando piante e fiori (ma non solo) in abbondanza. L’idea è quella di un quotidiano contatto con la natura anche in un contesto in cui il verde, altrimenti, non ci sarebbe. In pratica, trasformare una o più stanze della propria abitazione in delle ideali serre, ma con pizzico di anima selvaggia, come in una vera e propria giungla.

Parliamo di una delle più recenti tendenze di interior design. Si chiama urban jungle e, come suggerisce il nome, la natura ha un ruolo fondamentale, sebbene “tradotta” in uno stile di vita urbano.

Le origini dello stile urban jungle

Donna scalza con un vaso in mano in un'ambiente arredato secondo lo stile urban jungle. Il pavimento è in parquet, la donna e è seduta su una panca e la stanza è piena di vasi e di piante. Si vede anche uno specchio

Chiamato anche solo jungle, ha iniziato a diffondersi negli Stati Uniti nel 2017, cioè quando Pantone identificò il cosiddetto Greenery come colore dell’anno.
Ma lo urban jungle non è nato dal nulla. Alle sue radici c’è la cultura hippie del secolo scorso, e ci sono le istanze ecologiste rivitalizzate, in questo XXI secolo, dalla lotta contro i cambiamenti climatici.

In un Occidente sempre più urbanizzato, con città in cui gli spazi verdi non sono mai abbastanza, questa tendenza di arredo esprime il desiderio di natura e di aria pulita. Le zone verdi dentro alle abitazioni diventano anche isole di relax, serenità e rigenerazione per alleggerire stili di vita sempre più stressanti.

Lo stile Urban Jungle: significato

Se stai cercando il significato di stile Urban Jungle, ecco la spiegazione di come abbellire e decorare l’abitazione secondo una delle tendenze più moderne dell’arredo. L’Urban Jungle, tradotto in italiano come giungla urbana, è una vera e propria filosofia di vita che vede come protagonista indiscussa la natura nelle sue espressioni selvatiche ed esotiche. Questa tendenza dell’arredamento di interni richiama appunto l’ambiente della giungla. Per ricreare la propria giungla domestica non è sufficiente posizionare a caso piante esotiche nelle varie stanze. Le piante rigogliose, ma ingombranti, non devono essere di intralcio. Meglio quindi posizionare piante e fiori davanti alle finestre, così da arricchire la casa come una foresta tropicale. Oppure si può optare per la creazione di una plant gang: si tratta di raggruppare le piante intorno a tavolini, mensole, o librerie. Da tenere a mente infatti che il comfort è un punto fermo anche per lo stile urban jungle: la casa deve essere vissuta senza inciampare in rami e foglie.

Quali sono le caratteristiche dell’arredamento urban jungle?

Angolo domestico in stile urban jungle. Tantissime piante, di svariate dimensioni, dentro a vasi e dispose su sgabelli, tavolini, mensole e a terra. La parete retrostante è pure verde

Com’è facile immaginare, si tratta di uno stile d’arredo che presuppone la voglia e il tempo di dedicarsi alle piante. Un po’ di pollice verde è indispensabile.
Solitamente non si tende ad arredare secondo i dettami dello urban jungle l’intera abitazione, riservandolo invece a specifiche stanze o ad angolini degli ambienti domestici.
Non c’è una stanza più consigliata di un’altra. Si può scegliere il bagno oppure lo studio, la cucina o il salotto. L’importante è che sia quel luogo in cui diventa più naturale fermarsi e ricaricare le pile.

Anche che l’illuminazione gioca un ruolo fondamentale: meglio optare per ambienti in cui entra molta luce naturale.

Le piante sono le assolute protagoniste, e fanno passare in secondo piano gli elementi dell’arredamento, che non devono essere preziosi o costosi pezzi di design. Fondamentale è lo spazio per vasi, vasetti e terrari, da disporre su diversi livelli. Quindi ogni mobile e complemento vanno pensati nell’ottica della composizione del verde: mensole, sgabelli, console, tavolini da caffè, comodini, davanzali…
Per qualche idea in più, ecco 10 consigli su come disporre le piante in modo originale.

Che piante scegliere?

Una ragazza si prende cura delle sue piante in vaso da interni

Le possibilità sono molte, potenzialmente infinite. E ovviamente dipendono da mille fattori: stagione, luogo geografico, esposizione solare disponibile.
È comunque bene puntare su diverse tipologie di piante, così da creare un certo dinamismo di forme, dimensioni e colori.

  • Piante a foglia larga: esotiche (ma non solo), vistose e imponenti. Come esempio troviamo il Ficus Lyrata, la Strelitzia, la Monstera Deliciosa (superstar di Instagram), la Zamioculcas, la Sansevieria, le felci, la kentie o le palme.
  • Piante grasse: ne esistono di ogni forma e dimensione. Ci si può sbizzarrire come si vuole.
  • Piante a fiori: le orchidee, la lavanda, il gelsomino, l’ibiscus, l’anthurium. Il loro colore risalterà in mezze al verde, dando splendidi accenti cromatici all’insieme.
  • Piante rampicanti: come l’edera, che si può far crescere anche in casa usando vasi sospesi.

Quali sono i colori e i materiali dello stile urban jungle?

Angolo di salotto con grande pianta e cuscini

Quasi scontato dire che il verde è un colore importantissimo, centrale, per lo urban jungle. Ma bisogna saperlo abbinare con attenzione, giocando sulle sfumature.
Si possono inserire tonalità naturali come il marrone (da quelli più chiari e rossicci a quelli tendenti al nero), il beige (colore neutro che si inserisce perfettamente senza risultare banale), il bianco (capace di risaltare tra la vegetazione) e il blu (le sfumature dell’acqua e del cielo).
Se si vuole creare più contrasto inserire colori come il giallo, l’arancione e il corallo.

Per quanto riguarda i materiali, anche in questo caso la scelta è facilmente intuibile. Nell’arredamento e nei complementi si prediligeranno quelli di origine naturale: pietra, legno, bambù, vimini, rattan, giunco, cotone, corda, lino… Quindi pavimenti in legno, se possibile. E poi tessuti in fibra vegetale, anche grezzi.

Quali mobili per lo stile urban jungle?

Un salotto in stile scandinavo con spunti di urban jungle

Trattandosi di dare alla casa l’atmosfera di una giungla domestica, non ci sono canoni troppo rigidi. Lo urban jungle si presta alla contaminazione e, ad esempio, si può sposare bene con interni boho chic, in stile scandinavo, in stile japandi, ma anche in stanze più squisitamente industrial.

Va benissimo mixare vecchio e nuovo, ricordi di viaggi e souvenir di posti lontani, natura e semplicità. Essendo l’attenzione focalizzata sulle piante e sul “mood” vegetale, saranno perfetti i mobili vintage e di seconda mano. Pezzi recuperati e risistemati utilizzando le vernici all’acqua della linea Vintage Prestige di Rio Verde. Sono prodotti a effetto materico che è possibile adoperare anche senza carteggiare, e applicare non solo al legno ma anche a metallo, vetro, muro, plastica e stoffa.
Le tonalità pastello disponibili — Amarena, Frappè, Nocciola, Vaniglia, Cocco, Anice, Ginepro, Tartufo, Marzapane e soprattutto Lattementa — sono azzeccatissime.

Per quanto riguarda gli elementi d’arredo, largo a letti a baldacchino con zanzariere (stile giungla, appunto) per la camera da letto. In salotto sedute sospese ma anche poltrone più minimali o, ancora, il vecchio sofà della nonna, magari circondato da tavolini pieni di vasi con piante grasse e a foglia larga.
Per dare più movimento agli ambienti consigliamo di giocare su diversi livelli con mobili bassi, vecchie scale, panche, librerie, mensole e cesti.
Ad aumentare ancora di più l’effetto selvaggio si possono usare tessuti, stampe e carte da parati a tema vegetale o con animali esotici come tigri, scimmie, uccelli o farfalle.

Composizione con vasi e piante di diverse dimensioni, davanti a un quadro con una illustrazione moderna a tema botanico

Una galleria di ispirazioni urban jungle

Salotto moderno con sofà, grande lampadario in vimini e finestra di ampie dimensioni. L'ambiente è arredato con molte piante

Un salotto urban jungle, con tanta vegetazione, rende accogliente l’ambiente. Non c’è bisogno cambiare arredamento, ma a integrarlo e abbellirlo con piante di diversi tipi.

Ragazza seduta su un divano che mangia mentre il suo piccolo cane la guarda. Dietro di lei un angolo molto luminoso e pieno di piante

Dedicare un angolo della propria casa alle piante urban jungle crea un luogo in cui rilassarsi e poter passare del tempo da soli, con la famiglia o con i propri migliori amici.

Libreria a giorno con gli scaffali pieni di piante

Una libreria a giorno può diventare il supporto ideale per le piante. Consigliamo di creare composizioni con specie diverse, di varie dimensioni, con vasi differenti.

Console in legno su cui sono disposte molte piante in vaso

Una consolle all’ingresso può diventare una perfetta “isola” urban jungle.

Cucina moderna con isola piena di piante

In cucina si possono usare normali vasi in terracotta e ceramica ma si può anche richiamare quella che è l’atmosfera della casa riutilizzando alcuni tipici contenitori da cucina come barattoli e vasetti di vetro.

Luminoso e spazioso bagno di un attico, arredato con molte piante, anche dentro alla vasca da bagno

Il bagno è la stanza ideale per creare una “serra” urbana. L’umidità aiuta a prendersi cura della vegetazione senza troppo impegno. Le piante crescono rigogliose e sane, regalando colore e dinamismo all’ambiente.

Camera da letto arredata in stile urban jungle con molte piante. I colori dominanti sono il bianco (muri, coperte, pavimento)e il verde (cuscini, poltrona, piante e composizione di foglie che funge da decorazione sulla parete dietro al letto)

Piante in camera da letto? La saggezza popolare dice che andrebbero assolutamente evitate, ma si tratta di un mito da sfatare. È vero che di notte consumano ossigeno, ma molto meno rispetto a persone e animali.

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

News & Views / Primo piano
Nato nell'omonima città messicana, lo stile Mérida è frutto della fusione tra tradizioni e contemporaneità.
#colors
Da anni in fase di rilancio, il centro storico di Salvador de Bahia è caratterizzato da edifici con le facciate color pastello.
News & Views
Il minimalismo “caldo” e funzionale dello stile mediterraneo, tipico delle abitazioni tradizionali che troviamo sulle cose del nostro mare.
News & Views
Un festival dedicato al barocco e al neobarocco in una delle città più affascinanti della Sicilia e dell'Italia intera.
Primo piano
Cos'è un impregnante cerato per legno? E che differenza c'è con una finitura cerata? Scopriamo a cosa servono e quando usare questi prodotti.
#colors / Primo piano
Oltre a proteggere il legno da agenti atmosferici, muffe e funghi, l'impregnante serve anche a colorare lasciando le venature a vista.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita