I Colori di Camilla. L’opaco

Mi chiamo Camilla, sono una blogger non vedente.

Opaco che trattiene la luce, non fa vedere, protegge, nasconde. È opaca una mela al sole quando non riflette la luce. Sono opachi il legno, il cemento, la pietra. È opaco tutto ciò che non è attraversato dalla luce del sole, tutto ciò che non scalda. Un soffitto, una porta, un muro. Può diventare opaco anche un vetro bagnato dalla pioggia, un occhiale bagnato da una lacrima, un bicchiere sporco di vino.

Opaca è la pellicola di una bobina cinematografica, è una patina su una fotografia, è la copertina messa per proteggere un libro nuovo o per salvaguardarne uno vecchio. È l’effetto delle foderine dei quaderni dei bambini delle scuole elementari. È il vetro della bottiglia dell’olio, quello dei finestrini della macchina quando è inverno, piove e adulti e bambini si divertono a scrivere e disegnare con le dita. È uno schermo spento, una stanza di notte. Opachi come gli occhialetti di un nuotatore, come la maschera di un sub, ma anche come le palline che, tutti insieme, l’8 dicembre attacchiamo all’albero di Natale. Oro, argento, rosso: ci sono quelle lucide, in cui specchiarsi, e quelle opache, da accarezzare.

Sempre grazie allo spirito architettonico che anima la mia famiglia, posso confermare che per la riuscita di un buon edificio è fondamentale utilizzare materiali opachi o opacizzanti. Lego, cemento o pietra. L’opaco garantisce un equilibrio termico, protegge dalle calure estive e dalle gelate invernale, resiste all’aggressività del fuoco e dell’acqua.
Opaco come fonte di sicurezza: quando uno specchio diventa opaco non vediamo più la nostra immagine e ci sentiamo protetti. Quando un vetro diventa opaco non vediamo al di là.
Anche i gioielli possono essere opachi. Lo erano le pietre preziose di moda negli anni Sessanta, come l’occhio di tigre, varietà di quarzo contenente inclusioni di crocidolite, un minerale facente parte del gruppo dell’amianto, e la malachite, un minerale di rame della famiglia dei carbonati. Accessori imprescindibili per modelle, attrici e cantanti che animavano festival, serate e salotti buoni di allora, ma amatissimi anche dalle nostre mamme e zie: chi non li ha ritrovati chiusi in una pochette in un angolo di un cassetto?

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

Primo piano
Il mordente per legno è un tipo di prodotto che si usa per cambiare colore mantenendo visibili le venature del legno.
#colors
Conosciuta come la “Venezia polacca” e la “città degli gnomi”, Breslavia è anche celebre per i suoi splendidi edifici color pastello.
#colors
Meglio toni caldi o freddi? Ecco alcuni consigli per i colori della cucina, in base a spazi e gusti e sempre alla ricerca dell'equilibrio.
News & Views / Primo piano
Una delle strategie più gettonate dagli interior designer su Instagram è evidenziare una singola parete di un ambiente: ecco il feature wall.
News & Views / Primo piano
Considerato sinonimo di opulenza ed eccesso, il barocco è ritornato in forma contemporanea e più essenziale: il barocco moderno.
#colors
Un tempo residenza degli schiavi musulmani, oggi il quartiere Bo-Kaap di Città del Capo è una delle zone più colorate del Sudafrica.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita