Palette con i colori citati in alcune delle canzoni di Sanremo 2024

I colori di Sanremo 2024

Anche quest’anno, come largamente preannunciato, il Festival di Sanremo si sta rivelando l’Evento — con la E maiuscola — capace di tenere gran parte del pubblico italiano incollato alla tv (e ai social, per commentarlo). Protagoniste sono ovviamente le canzoni, ma nel corso dei decenni il “Festivàl”, come spesso viene affettuosamente chiamato, è diventato anche un fenomeno di costume. Si giudicano gli ospiti, i siparietti comici e, soprattutto, il look di chiunque salga sul palco.
Noi, qui, parliamo soprattutto di colori, e quindi abbiamo pensato di andare a cercare quelli! Non sugli abiti, ma nelle canzoni.

icona_punti_vendita

I negozi di vernici
e i colorifici
più vicini a te

I colori di Sanremo

La facciata del casinò di Sanremo, con palme e fiori

Sanremo è la città dei fiori. E i fiori sono sinonimo di colori — tra i più splendidi che la natura sia riuscita a creare.
Eppure Sanremo 2024 si è rivelato piuttosto avaro da questo punto di vista: su 30 canzoni, solo 9 citano direttamente qualche tinta, e un altro paio parlano genericamente di “colori”.
Vediamo quali sono.

Le lune nere e il velluto blu di Annalisa

Dettaglio su un pezzo di tessuto di velluto blu

Dopo un 2023 pieno di grandi successi, Annalisa Scarrone, conosciuta semplicemente come Annalisa, porta a Sanremo un pezzo intitolato Sinceramente, che parla della «libertà di essere», come ha spiegato la cantante, che, essendo di Savona, al Festival gioca quasi in casa.

Il suo è uno dei brani in cui sono citati più colori: «Ancora otto lune nere e tu la nona» canta Annalisa. E: «Tu spegni sigarette su velluto blu». E ancora: «Sono bagliori / Non è oro».

La tuta dorata di Mahmood

Primo piano sulla bocca di un uomo con la barba e i denti superiori ricoperti d'oro

Due volte vincitore a Sanremo, nel 2019 in solitaria e nel 2022 in duetto con Blanco, Mahmood torna a calcare il palcoscenico festivaliero con un pezzo che un colore ce l’ha già dal titolo: Tuta gold.
Il suo è un brano in parte autobiografico, che riflette sul passato e sul presente. È anche tra i più “colorati” del festival, con versi come «Maglia bianca, oro sui denti, blue jeans» e «Ricorderò i gilet neri pieni di zucchero».

Gli occhi blu di BigMama

Vista ravvicinata dell'occhio sinistro azzurro di una donna con la pelle molto chiara

Marianna Mammone, in arte BigMama, torna al festival da protagonista dopo il duetto con Elodie nella scorsa edizione.
Il brano che ha portato si intitola La rabbia non ti basta ed è un’autobiografica rivalsa su esperienze vissute in passato, tra violenza, bullismo e body shaming.
L’unico colore citato nel pezzo è il blu: «Pochi anni ma tanti sbagli che manco facevi tu / Li nascondevi tra lacrime d’odio che riempiva i tuoi occhi blu».

I prati verdi e i cieli blu di Ghali

Panorama con una collina erbosa verde sotto a un cielo azzurro con poche nuvole

«Il prato è verde, più verde, più verde / Sempre più verde (sempre più verde) / Il cielo è blu, blu, blu / Molto più blu (ancora più blu)».
Sembrerebbe la descrizione della celeberrima collina di Windows XP. In realtà è l’apertura di Casa mia, cantata da Ghali.
La canzone, che cita anche il conflitto israelo-palestinese, è un immaginario dialogo con un extraterrestre. Questo, col suo sguardo “esterno” fa capire al cantante come, nonostante tutto, il mondo sia bellissimo.

L’oro di Fiorella Mannoia

Superficie ricoperta in oro

Era il 25 novembre del 1960 quando tre giovane donne dominicane, le sorelle Mirabal, furono assassinate, perché dissidenti, dal regime del dittatore Rafael Leónidas Trujillo.
La Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne si tiene ogni anno in quello stesso giorno proprio in loro onore. E a loro è ispirata anche la canzone Mariposa, presentata al Festival dalla potente voce di Fiorella Mannoia.

È un pezzo molto femminista, il suo, ma poco “colorato”. L’unica tinta citata è l’oro, anche se inteso come bene prezioso più che come colore.
«Sono la terra, sono il cielo / Valgo oro e meno di zero».

Il cielo nero de Il Tre

La falce di Luna, di notte, sul mare

Il rapper romano Guido Luigi Senia, in arte Il Tre, esordisce sul palco di Sanremo con un pezzo sulla fragilità di ciascuno di noi.
In Fragili, l’artista “vede nero”: nero il cielo («Da un cielo nero lacrime di vetro») e nero pure il mare («In questo mare nero ci sei solo tu»).

Il mare nero di Rose Villain

Acqua scura e mossa, fotografata di notte

Il mare nero torna anche nel pezzo di Rose Villain, che un colore ce l’ha già nel nome…
La rapper e cantautrice milanese, all’anagrafe Rosa Luini, arriva per la prima volta sul palco della città dei fiori con Click boom!, un brano pieno di onomatopee che racconta di un travolgente amore estivo, tanto potente da farle dire «Sai che dentro ho un mare nero che s’illumina?».

Tutti i colori dei The Kolors

Semaforo arancione, di notte, con sulle sfondo le luci sfocate del traffico e della città

Anche loro, in quanto a colore, non hanno di che lamentarsi. Dopotutto si chiamano, appunto, The Kolors!
Però non li citano nella canzone Un ragazzo una ragazza (che si preannuncia già un tormentone, come fu l’anno scorso per Italodisco), a meno che non si voglia considerare il «E lo sai, cercarti è un po’ come aspettare ad un semaforo rotto» come un arancione!

Le bionde trecce dei Negramaro (e di Battisti)

Ragazza vestita con abito rosa in stile vittoriano, con lunghe trecce bionde, su uno sfondo con trecce multicolore

Ricominciamo tutto dei Negramaro è una ballata rock che racconta di una coppia in crisi che scappa al mare e prova a rimettere in sesto il rapporto. È un brano che parla del coraggio di reinventarsi, lasciandosi indietro i risentimenti.
L’unico passaggio “cromatico” del testo è una citazione del grande Lucio Battisti: «Eravamo una canzone di Battisti all’alba / Anche senza “bionde trecce” / Dio, quanto sei bella?!».

Il rossetto rosso dei Ricchi e Poveri

Cinque stick di rossetti rossi, aperti ed allineati a triangolo su sfondo neutro chiaro

A reinventarsi sono anche i veterani del festival, i Ricchi e Poveri (oggi un duo, dal quartetto originario, nato alla fine degli anni ’60), che hanno presentato un brano dance ballabilissimo, dal titolo Ma non tutta la vita, che descrivono come “Un monito a non perdere tempo prezioso quando nasce un amore”.
E il colore? Sta nell’impronta di un rossetto: «E sul collo hai l’impronta del mio rossetto rosso».

Le perline colorate di Angelina Mango

Delle perline colorate su sfondo rosa vanno a comporre alcuni dei colori dell'arcobaleno

Non uno ma tanti, vaghi colori per La noia di Angelina Mango.
«A me hanno dato le perline colorate / Per le bimbe incasinate con i traumi» canta la giovane cantautrice. Figlia d’arte (il padre è Mango), è “esplosa” grazie al talent show Amici e ha esordito al festival dopo una partecipazione a Sanremo Giovani.
Il suo brano è una riflessione sul tempo e, nel ritmo, si ispira alla cumbia.

Con Amadeus bando al viola e al verde

Una ragazza vestita con giacca verde e camicia viola, fa per togliersi gli occhiali viola, su sfondo monocromatico color verde

È ormai noto da tempo che Amedeo Umberto Rita Sebastiani, in arte Amadeus, abbia alcune idiosincrasie cromatiche.
Il celebre conduttore, giunto al suo quinto Festival consecutivo, vieta espressamente l’uso del viola e del verde.

Per quanto riguarda il viola, si tratta di una vecchia e consolidata superstizione del mondo del teatro. Essa deriva dal fatto che questo colore si usa nei paramenti liturgici durante il periodo di Quaresima. Nel Medioevo, in quei giorni, erano vietate tutte le rappresentazioni teatrali: ecco spiegata la ragione della “allergia” dei teatranti per il viola.

Il motivo per evitare il verde, invece, è puramente pratico. Amadeus, come ha più volte raccontato lui stesso, soffre di daltonismo. Più precisamente di deuteranopia, cioè insensibilità al verde. Non riesce a riconoscerlo, quindi preferisce non ritrovarselo sui suoi abiti come in quelli di chi calca il palcoscenico per cantare.

Colora la tua casa con Vintage Prestige

Un salotto moderno in stile minimale con muro in cemento parzialmente colorato di azzurro pastello, consolle dello stesso colore, tv, finestra e piante

Se questa edizione del Festival di Sanremo è stata piuttosto povera di colori, ci si può sempre sbizzarrire a decorare la propria casa con le vernice a effetto materico Vintage Prestige di Rio Verde.
Con una palette di ben 12 colori di tendenza, tra sfumature pastello e non (c’è anche il verde Lattementa, con buona pace di Amadeus!), è un prodotto che può essere utilizzato su molteplici superfici e materiali, dal legno alla plastica, dal vetro al metallo, dal muro alla stoffa.
Inodore e priva di sostanze pericolose, è ideale per l’interno e si può usare in tantissimi stili di arredamento, da quelli più “rock” a quelli più classici…

icona_punti_vendita

I negozi di vernici
e i colorifici
più vicini a te

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

write_mail

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

#colors / Primo piano
Con le sue note terrose, il giallo ocra è uno dei colori preferiti per l'arredamento contemporaneo. Vediamo come abbinarlo.
News & Views / Primo piano
Molto utilizzati in arredi d'ispirazione industriale, gli armadietti metallici si abbinano a diversi stili di interior design.
#colors / News & Views / Primo piano
Sempre più diffusa, la cucina nera è sinonimo di eleganza e si può abbinare a molti stili di arredo e con molti altri colori.
Primo piano
Talvolta è difficile orientarsi nella moltitudine di stili di arredamento contemporanei. Ecco quindi spiegati i più diffusi degli ultimi anni.
#colors / Primo piano
A lungo ostracizzato nel design di interni, l'arancione, in tutte le sue sfumature, è il grande protagonista degli ultimi anni.
Primo piano
Senza tempo e sempre elegante, nella sua essenzialità, lo stile Mid-Century non passa mai di moda e si può integrare in molti stili d'arredo.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita