Un gatto accovacciato su una poltrona nell'angolo di una casa in stile provenzale con molti elementi d'arredo vintage dall'aspetto vissuto e sui toni del bianco e delle tonalità naturali di marrone

Stile provenzale

Sentiamo spesso parla di stile provenzale, ma di cosa si tratta? Come si differenzia dallo shabby chic con cui spesso viene confuso? E da un più generico country?
Come si arreda la casa in stile provenzale? Ci sono dei colori più indicati di altri?
A tutte queste domande proveremo a rispondere in questo articolo.

Una galleria di ispirazioni in stile provenzale

Letto con biancheria bianca e a tinte pastello con motivi floreali. C'è un vassoio con teiera, tazza di te e dei ramoscelli di lavanda secca

Della biancheria chiara con accenti pastello e motivi naturali si addice perfettamente a questo stile.

Un salotto in stile provenzale moderno, con sofà bianco, poltrona a dondolo in legno, cuscino ricamato a mano e colori pastello

La lavanda sarà un po’ ovunque, usata per profumare gli ambienti ma anche per decorarli, sia nei vasi che disposta a mazzetti sui tavolini da caffè, o persino ricamata sui cuscini.

Dettaglio di un bagno in stile provenzale con mobili in legno verniciato di bianco e decapato e molti soprammobili sul bianco e sul metallico. C'è anche un minerale a cristalli

Il decapato è una delle caratteristiche del provenzale, come in questo bagno, decorato con molti oggetti d’epoca.

Dettaglio del pianale di una console con una scritta in legno “home”, un portacandela d'epoca e un vaso bianco con dentro della lavanda

Si possono tranquillamente accostare oggetti vintage con elementi più nuovi: l’importante è mantenere un certo equilibrio.

Una luminosa sala da pranzo con una vista d'angolo su una tavola con tovaglia, vasetti di fiori di campo recisi e una ciotola contenente margherite che galleggiano sull'acqua

Per la tavola, tessuti naturali come il lino. E poi vasi, decorazioni di paglia intrecciata e tanti fiori.

Cos’è lo stile provenzale?

Tipico e romantico paesaggio provenzale con grandi campi di lavanda

Come suggerisce il nome stesso, lo stile provenzale nasce dalla Provenza, regione storica che si trova nella parte sud-orientale della Francia. Oggi compresa nel territorio chiamato Provenza-Alpi-Costa Azzurra, ai tempi dell’impero romano era una provincia (da qui il nome) abitata dai galli.

Conosciuta per le sue campagne tranquille e i profumati campi di lavanda, la regione è caratterizzata da case e arredi con uno stile preciso, fatto di elementi essenziali, rustici e delicati al tempo stesso, e dalle tinte chiare.
I pittori impressionisti furono particolarmente attratti da questa zona e ne celebrarono le dolci meraviglie in molti quadri, che possono servire a loro volta come fonte di ispirazione, tra arredi in ferro battuto, mobili di fattura contadina e tessuti in colori pastello.

Che si abiti in mezzo al verde o in una casa in città, lo stile provenzale regala relax e un’atmosfera tranquilla, che richiama immediatamente i sapori, gli odori e le luci del luogo di origine.

Le caratteristiche dello stile provenzale

Composizione di oggetti accanto a una finestra luminosa, con una vaso di vetro che contiene lavanda, dei ramoscelli sparsi, una tazza smaltata con orzo, una grande zuccheriera bianca e una boccetta con un'essenza

  • Mobili vintage dalle linee morbide, decorati, decapati, o con disegni floreali. Questo stile non tenta in nessun modo di nascondere la reale “età” degli elementi. Anzi, la ostenta. Per questo non passa mai di moda.
  • Materiali naturali, dalla pietra al ferro, dal lino alla paglia, senza dimenticare il legno.
  • Elementi romantici, delicati ma anche raffinati, in ogni stanza.
  • Accessori antichi, come centrini da tavolo, vecchi contenitori in rame, porcellane dipinte, vasi colmi di fiori di campo, candele profumate e quadri con campi fioriti.
  • Lavanda ovunque: nei vasi, nei cassetti della biancheria dentro a dei sacchetti, nelle ciotole in salotto o in cucina, sulle mensole o nelle credenze.
  • Piante semplici, non troppo grandi e invadenti. Le erbe aromatiche sono la scelta migliore.
  • Luce naturale, che va valorizzata il più possibile attraverso l’uso di colori chiari.

Le stanze della casa

Una camera da letto moderna che strizza l'occhio allo stile provenzale, con molto bianco e colori pastello e piante di lavande sparse per la stanza

La cucina è una delle stanze che meglio si identificano con questo stile.
L’ambiente dovrà avere il bianco o i colori naturali tenuti come dominanti. Per le superfici d’appoggio andranno bene il legno o la pietra, quest’ultima, insieme alla ceramica, perfetta anche per i lavabi. Potranno esservi abbinate piastrelle a motivi geometrici o floreali.
I mobili, anch’essi in legno, potranno essere beige o panna. Come accessori: brocche smaltate, cesti in vimini, vecchi paioli, strumenti da cucina della nonna.
Per creare tinte a contrasto si potrà usare il lilla, l’azzurro o il verde salvia. Vasetti con le erbe aromatiche saranno a portata di mano: timo, rosmarino, basilico, maggiorana, menta, origano…

Il soggiorno sarà possibilmente spazioso, tale da poter ospitare piccole feste e cene con amici e parenti. I mobili — che si tratti di pezzi vintage o nuovi — dovranno avere un’aria vissuta. Sul divano e sulle poltrone (magari bergère), cuscini a tema floreale o in tinta con il sofà. E poi poggiapiedi, cassepanche, tende e tessuti in lino, pizzi e merletti, tappeti e decorazioni.

In camera da letto trionferanno legno e ferro battuto, anche un po’ scrostato e sverniciato. Un baldacchino può essere un’idea.
La biancheria sarà in tessuti naturali e dalle tinte chiare. I paralumi in tessuto e i comodini in legno. Gli armadi in legno grezzo o bianco sporco, impreziositi da pomelli intagliati a forma di fiore. Se si ha spazio si potrà mettere una toilette con specchiera ovale.

Per gli infissi, ovviamente in legno, si può osare con colori come il carta da zucchero, il verde chiaro o il rosa antico. Per i pavimenti: cotto o parquet a finitura opaca. Vanno bene anche le carte da parati, soprattutto se a tema botanico. L’importante è che non abbiano tinte troppo accese.

I colori e i materiali dello stile provenzale

Un insieme di diversi tessuti trapuntati in stile provenzale con motivi floreali e geometrici

I colori chiari, tipici della primavera, sono quelli che regnano sovrani nello stile provenzale. Il bianco e il panna, abbinati a tinte pastello come l’azzurro, il lavanda, il giallo (pallido e non troppo vivace), il verde salvia, il blu di Prussia, gli arancioni (più vicini ai colori della terra, come l’ocra), i grigi (tortora e simili), i rosa.
Si possono abbinare tra loro, senza però esagerare troppo per non trasformare l’allegra tranquillità in chiasso.

In questo stile di arredamento i tessuti dall’aria “sciupata” e stropicciata, come il lino, vanno benissimo, così come tutte le fibre naturali, anche quelle più grezze e ruvide. Le coperte saranno trapuntate a motivi floreali o patchwork.

Il legno, la pietra e il ferro battuto sono praticamente indispensabili in una casa con lo stile provenzale. Pezzi artigianali in paglia, vimini e simili comunicano l’idea di campagna e aggiungono calore alla stanza.

Si possono riciclare vecchi mobili, recuperare gli arredi della nonna, o girare per mercatini in cerca di occasioni. Per dare ai mobili un’aria “più provenzale” è possibile usare le vernici materiche della linea Vintage Prestige di Rio Verde. Si tratta di dieci tinte pastello perfette per questo stile: amarena, frappè, nocciola, vaniglia, cocco, lattementa, anice, ginepro, tartufo e marzapane. Si applicano su legno anche senza carteggiare, oltre che su altre superfici come il vetro, la stoffa, il metallo e addirittura la plastica.

Le differenze tra provenzale, shabby chic e country

Parte di un salotto in stile provenzale, con due porte, decorazioni in ferro battuto, molti vasi, uno specchio, mobili vintage e un sofà con molti cuscini

Capita di confondere tra loro i tre stili, che hanno elementi simili.
Ecco qualche suggerimento per riconoscerli.

Shabby chic e provenzale: si assomigliano per il largo uso del bianco, dei colori pastello e dell’effetto decapato. Lo shabby chic, d’altronde, si ispira dichiaratamente al provenzale.
La differenza principale sta nel carattere: mediterraneo il provenzale, con largo uso di vimini e paglia e colori naturali come l’azzurro e il lavanda; anglossassone lo shabby, caratterizzato da un’uso più pervasivo del bianco, accenti rosa e un uso assai ridotto del ferro battuto.

Country e provenzale: sono entrambi stili rustici e si basano più o meno sugli stessi materiali. La differenza principale sta nel fattore cromatico. Il country (solitamente d’impronta inglese o americana) è generalmente caratterizzato da tinte più terrose e scure. Le linee degli arredi sono meno morbide rispetto al provenzale.

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

En plein air / Primo piano
Con lo smart working in aumento, c'è sempre più richiesta di spazi domestici in cui lavorare. Il garden office può essere una soluzione.
Primo piano
Il mordente per legno è un tipo di prodotto che si usa per cambiare colore mantenendo visibili le venature del legno.
#colors
Conosciuta come la “Venezia polacca” e la “città degli gnomi”, Breslavia è anche celebre per i suoi splendidi edifici color pastello.
#colors
Meglio toni caldi o freddi? Ecco alcuni consigli per i colori della cucina, in base a spazi e gusti e sempre alla ricerca dell'equilibrio.
News & Views / Primo piano
Una delle strategie più gettonate dagli interior designer su Instagram è evidenziare una singola parete di un ambiente: ecco il feature wall.
News & Views / Primo piano
Considerato sinonimo di opulenza ed eccesso, il barocco è ritornato in forma contemporanea e più essenziale: il barocco moderno.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita