Griglia con sedici diversi schemi con disegnati in marrone su bianco alcuni tipi di venature del legno

Cosa sono le venature del legno

Le venature del legno sono i “segni” tipici di questo: ciò che lo rende riconoscibile e che, a prima vista, lo differenzia da qualsiasi altro. Sono sempre differenti — un po’ come le nostre impronte digitali — e non esistono alberi con venature identiche: è anche questo che rende unico ogni manufatto costruito con questo straordinario materiale.
Dette anche strie, le venature consistono in piccoli vasi conduttori che risalgono il fusto degli alberi e poi i rami, fino alle foglie, portando acqua e sali minerali.
In base alla loro disposizione nel tronco, e a come il tronco viene tagliato, possono apparire linee ed effetti molto diversi tra loro.
Di seguito proviamo a conoscerle e riconoscerle meglio, e a valorizzarle coi prodotti giusti.

La struttura del legno

Disegno schematico che mostra una sezione del tronco di un albero con indicati le diverse parti (midollo, durame, raggi midollari, anelli di accrescimento, alburno, cambio, libro e corteccia)

Le diverse parti che formano la struttura del tronco di un albero sono le seguenti:

  • midollo: è la parte centrale, di forma cilindrica più o meno regolare. In alcuni casi scompare, lasciando un cavità. È una parte poco pregiata e le tavole che lo contengono hanno poco valore;
  • durame: è la zona più interna, midollo a parte, e la più pregiata a livello commerciale. È una parte non più vitale del tronco, meno soggetta ad attacchi di parassiti, ed è da questa che si ricava il legno massello;
  • raggi midollari: sono strutture cellulari che appaiono, appunto, come raggi quando si taglia la sezione di un tronco. Fungono da collegamento tra la parte centrale dell’albero e quella periferica, e vi vengono immagazzinate acqua e sostanze nutritive;
  • anelli di accrescimento: sono gli anelli concentrici ben visibili quando viene tagliato il tronco. Sono formati dall’attività del cambio (vedi in seguito). Ogni anello è formato da due zone, una primaverile (legno primaticcio) e una estiva (legno tardivo). Contandoli, com’è noto, si può risalire con buona approssimazione all’età della pianta. Piccola curiosità: nella piante tropicali — non avendo esse una “pausa” di crescita in autunno e inverno — gli anelli spesso non sono presenti;
  • alburno: è la parte legnosa più giovane, e circonda il durame. È composto da cellule vegetali vive che trasportano la linfa. A inizio inverno viene lentamente assorbito dal durame;
  • cambio: è uno strato molto sottile, responsabile dell’accrescimento dell’albero. Crea due tipi di tessuti: uno legnoso verso l’interno, l’alburno, e uno verso l’esterno, il cosiddetto libro;
  • libro: protegge l’interno dall’umidità e contiene i vasi che portano il nutrimento sintetizzato dalle foglie al resto dell’albero;
  • corteccia esterna: costituita da cellule morte, protegge la pianta da funghi, insetti, urti, agenti atmosferici e cambiamenti di temperatura.

Le venature del legno: differenze

Dettaglio di una tavola di legno con caratteristiche venature

Come già accennato, ogni albero ha le sue venature. Le diverse specie, tuttavia, sono accomunate da alcuni caratteristici tipi di venature, che sono anche — insieme al colore — tra gli indizi più efficaci per riconoscere l’essenza legnosa.
Qui di seguito mostriamo le venature di alcuni dei legni più diffusi nella realizzazione di arredi.

Rovere

Dettaglio di una tavola di legno di rovere

Ha venature irregolari e molto evidenti. È un legno a poro aperto, cioè con venature scavate. Il colore va dal giallo dorato al bruno, e cambia in base a età e provenienza.
Quella di rovere è l’essenza più utilizzata in assoluto per il parquet.

Ciliegio

Dettaglio di una tavola di legno di ciliegio

Presenta un colore rossastro (ma il ciliegio americano arriva al bruno) e venature più scure. La grana è fine e la fibratura è regolare e dritta.
È un legno molto resistente, usato negli arredi di pregio così come in ebanisteria, per infissi, pavimenti ed elementi decorativi.
Anche il ciliegio, come il rovere, è a poro aperto.

Noce

Dettaglio di una tavola di di legno di noce

È una delle essenze più pregiate. Di colore bruno, ne esistono molte specie, ciascuna con le proprie caratteristiche. È un legno a poro chiuso, quindi le venature — di sfumature cangianti, che vanno dal marrone al grigio al nero — non sono scavate, tuttavia sono molto evidenti. La fibra è dura e compatta.
Si impiega per arredi e ornamenti.

Castagno

Dettaglio di una tavola di legno di castagno con le sue caratteristiche venature

Ha un colore bruno chiaro e venature marroni tendenti al rossiccio. È a poro aperto. È un’essenza compatta e ricca di tannini.
Si impiega per la realizzazione di mobili rustici, doghe, serramenti e pavimenti. È tra i legni più durevoli.

Mogano

Dettaglio di una tavola di di legno di mogano

È un legno scuro molto pregiato, ricco di venature, con tonalità che vanno dal bruno al rossastro.
Si tratta di un’essenza molto porosa, con tessitura fine e omogenea.
Si usa soprattutto per mobili pregiati, intarsi, strumenti musicali e arredi per imbarcazioni.

Frassino

Dettaglio di una tavola di di legno di frassino

È un legno chiaro, con tonalità che vanno dal bianco avorio al rosato. È leggero ma molto robusto, e presenta venature sottili e regolari, a poro aperto. La fibratura è dritta e la tessitura grossolana.
Si usa per mobili rustici, oggetti d’artigianato, attrezzi sportivi e paletti per uccidere vampiri!

Faggio

Dettaglio di una tavola di di legno di faggio

È un’essenza dalle venature sottili. La fibra è dritta e i pori non sono visibili. Ha un aspetto molto regolare. Il colore è chiaro, dal biancastro al giallo dorato, talvolta tendente al rosato.
Si adopera per arredi, infissi, pavimenti e carpenteria.

Abete

Dettaglio di alcune tavole di di legno di abete

È un legno morbido e chiaro, con venature regolari tendenti al giallo o al rosso.
Molto usato per i mobili e per i pavimenti. L’abete rosso è considerato il legno migliore per fabbricare la cassa di risonanza dei violini.

Pino

Dettaglio di una tavola di di legno di pino

Ha un colore biancastro, giallastro o rossastro, con venature lineari. La tessitura è media e la fibratura dritta.
È ricco di resina. Più duro e resistente dell’abete, si utilizza molto in carpenteria ed edilizia, anche per infissi e perlinature.

Come valorizzarle e farle risaltare

Primo piano su un pennello che sta passando dell'impregnante su alcuni elementi in legno

Se abbiamo mobili o elementi con venature evidenti e interessanti, è il caso di valorizzarle. Per farle risaltare occorre procedere con prodotti e finiture giuste.

La prima domanda che bisogna porsi è: sto lavorando con un legno a poro aperto o a poro chiuso?
Nel caso di un legno a poro aperto ci troviamo di fronte, come già detto in precedenza, a un’essenza caratterizzata da venature scavate. Si può dunque pensare di accentuare questa peculiarità attraverso delle lavorazioni chiamate spazzolatura (più superficiale) o rusticatura (che va più in profondità). In entrambi i casi si utilizzano apposite spazzole abrasive in acciaio per incavare la fibra morbida così da evidenziare ulteriormente le venature.

Dopo questo passaggio si potrà proseguire in base alla collocazione del pezzo che stiamo andando a trattare — all’interno o all’esterno — e all’effetto che si vuole ottenere.

  • Per interno:
  • Per esterno:
    • occorre prima passare un impregnante trasparente all’acqua, classico oppure ceroso;
    • dopodiché si può dare la finitura. Se si è scelto di usare l’impregnante classico, si potrà impiegare una finitura classica all’acqua oppure una finitura cerosa all’acqua, molto morbida al tatto. Quest’ultima si deve usare anche dopo l’impregnante ceroso.

15 immagini da cui trarre ispirazione per la tua casa

Dettaglio sul tavolo di una sala da pranzo in stile “rustrial”, con superficie in legno naturale. Dal soffitto scende un lampadario nero a semisfera. Alla parete c'è una mappa nera e bianca incorniciata

Tavolo da pranzo con venature a vista in una stanza dallo stile “rustrial

Tavolo da pranzo in legno in stile minimale, con sopra un vaso metallizzato che contiene dei rametti. A illuminare la scena c'è un finestrone industriale con una scultura di un volto umano poggiata sul davanzale

Altro tavolo, con due tipi di legno, entrambi con venature ben evidenziate.

Open space con cucina e luminosa sala da pranzo in stile rustico, con lungo tavolo in legno con venature a vista, da un lato delle alte sedie dello stesso stile e dall'altro una lunga panca

Un lungo tavolo rustico. Qui le venature sono il centro focale di tutta la stanza.

Tavolo e panca in stile rustico e linee irregolari, con sopra piante e statuette, nell'angolo di una stanza con finestra d'angolo, parquet e pareti piastrellate

Tavolo e sedia costruiti con legno recuperato, sfruttandone le linee irregolari, le imperfezioni e le venature.

Tavolo da pranzo addobbato a festa, in legno naturale. Dietro si intravedono una porta in legno naturale e una cucina sui toni del bianco e del grigio

Un tavolo del genere è un peccato nasconderlo con una tovaglia.

Vista dall'alto di una cucina in stile rustico con travi in legno, mobili in legno naturale, isola con sgabelli, e doppia scala che sale e scende sulla sinistra

In una cucina in stile rustico le venature del legno sono il principale elemento d’arredo.

Cucina moderna in stile vintage, con sgabelli dipinti di verde, muro con piastrelle, pareti bianche, colore d'accento verde e pianale in legno naturale

Il legno naturale risalta e fa risaltare il bianco, valorizzato da un colore d’accento scuro come questo verde petrolio.

Cucina sui colori del bianco e del legno naturale, con isola con pianale in legno naturale e pensili con venature a vista

Anche in questo caso il legno naturale e le sue venature si sposano perfettamente col bianco del resto della cucina.

Mensola in legno naturale, sulla quale appoggiano un tagliere e delle ciotole in legno e un piccolo cestino in vimini

A volte basta davvero poco: una mensola in legno naturale con sopra qualche elemento pure di legno.

Salotto in stile scandinavo con sofà grigio, cuscini marroni con disegni geometrici etnici, cestino in vimini a terra, quadretti alle pareti e cubo in legno naturale che funge da tavolino da caffè o da sgabello

Un cubo-scultura che funge da tavolino da caffè o da sgabello richiama i toni naturali di questo salotto, dai cuscini al parquet, fino alle decorazioni.

Ampio ingresso con pareti a boiserie bianca, cassettiera in legno scuro, specchio circolare e poltrona modernista

Una semplice cassettiera in legno naturale, con le sue venature in bella vista, può diventare il pezzo forte di un ingresso o un ambiente di passaggio.

Ingresso con consolle-scrittoio in legno naturale, con sopra dei modellini di veliero, un quadro con una mappa e accanto dei remi da canoa. Due porte aperte bianche incorniciano la scena

Una consolle-scrittoio valorizza un andito altrimenti anonimo, decorato in questo caso con elementi a tema nautico.

Dettaglio di una consolle modernista in legno naturale con sopra delle piante e dei soprammobili

Dettaglio di una consolle in stile modernista. Gli elementi in legno naturale si abbinano ovviamente benissimo con le piante, ma anche con decorazioni metallizzate.

Bagno in stile industriale in stanza con pareti in cemento grezzo e altra parete con mattoncini a vista. La doccia è interamente trasparente e c'è una vasca da bagno bianca in stile minimal. Il mobile-lavandino è in legno naturale con venature molto evidenti

Un bagno di una casa in stile industriale. Qui l’attenzione è catalizzata dal mobile-lavandino, in legno naturale con venature molto in evidenza, che crea un interessante contrasto con la parete in cemento grezzo.

Giardino con arredi in stile moderno, con poltrone in legno dalle linee essenziali e grande e solido tavolino centrale in legno grezzo trattato

Anche negli arredi da giardino si può esaltare la bellezza del legno naturale, a patto di usare i prodotti adatti per proteggerlo come si deve.

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

News & Views
Protagonista dei cataloghi di arredamento e delle pagine delle riviste di design, il divano senape si abbina a moltissimi stili e colori.
News & Views / Primo piano
Nato nell'omonima città messicana, lo stile Mérida è frutto della fusione tra tradizioni e contemporaneità.
#colors
Da anni in fase di rilancio, il centro storico di Salvador de Bahia è caratterizzato da edifici con le facciate color pastello.
News & Views
Il minimalismo “caldo” e funzionale dello stile mediterraneo, tipico delle abitazioni tradizionali che troviamo sulle cose del nostro mare.
News & Views
Un festival dedicato al barocco e al neobarocco in una delle città più affascinanti della Sicilia e dell'Italia intera.
Primo piano
Cos'è un impregnante cerato per legno? E che differenza c'è con una finitura cerata? Scopriamo a cosa servono e quando usare questi prodotti.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita