Cos’è lo stile cottagecore?

La casa cottagecore

Chi frequenta assiduamente Instagram e segue soprattutto i profili più attenti alle tendenze in fatto di abbigliamento e stile di vita, avrà notato, negli ultimi due anni, un’impennata di scatti che sembrano usciti da altre epoche. Grandi prati fioriti, casette di campagna addobbate come in una fiaba bucolica. E poi ricami, cesti di vimini, e atmosfere che ricordano telefilm come La casa nella prateria, cartoni animati come Winnie the Pooh o libri come Piccole donne. Da lì sembrano uscire anche gli abiti: le larghe vesti, i grembiuli, le fantasie floreali. Tutto questo ha un’etichetta ben precisa: cottagecore, nome che deriva da cottage, la villetta di campagna.

La cucina

Cucina stile cottagecore

Come in ogni abitazione, e se possibile ancora di più rispetto alle altre case, il nucleo centrale è sicuramente la cucina, che sarà esattamente il contrario del tanto diffuso stile minimal. Quindi piatti e pentole a vista, grandi tavoli pieni di barattoli, ciotole, brocche, marmellate, miele e ingredienti un po’ dappertutto.
Gli arredi saranno tradizionali o restaurati.

La sala da pranzo

Sala da pranzo in stile cottagecore, con sedie diverse le une dalle altre, un grande tavolo solido, tante piante e vasi

Per la sala da pranzo: centrotavola fatti all’uncinetto, vasi pieni di fiori appena raccolti, toni pastello e colori neutri. E inoltre sedute robuste e un grande tavolo — il re della stanza — possibilmente non troppo rifinito e dall’aria vissuta.

Il salotto

Salotto confortevole e caldo, stile cottagecore. Un divano di legno con cuscini rustici, un camino pieno di legna, molti soprammobili

Per il salotto, ecco sedute in rattan e vimini ma anche vecchie poltrone e divani, con coperte di lana o di maglia sempre a portata di mano. Se carta da parati dev’essere, si potrà scegliere tra prodotti a tema naturalistico o lasciarsi ispirare da quelle tipiche delle vecchie case di campagna inglesi.

La camera da letto

Vista dall'alto di un letto matrimoniale disfatto in un ambiente soffuso, intimo e confortevole in stile cottagecore. Sul letto c'è un vassoio in legno con una grande tazza di caffè e delle zollette di zucchero. C'è una abat-jour davanti a una finestra

In camera da letto largo a cuscini, copriletti come quelli della nonna, lenzuola bianche o in fantasie semplici, luci soffuse e tanto legno.

Il bagno

Un bagno con le pareti scure in stile cottagecore. I sanitari sono vintage: ci sono due lavandini, una vasca coi piedi e un cappello di paglia appeso alla parete

In bagno, infine, vecchi specchi con cornici intarsiate. Per sanitari e lavabo c’è l’imbarazzo della scelta, tra quelli davvero d’epoca e i molti modelli contemporanei che si ispirano ai pezzi vintage.

Breve storia del cottagecore

Uno scenario tipico dell'estetica cottagecore

Sebbene la categorizzazione in vero e proprio stile dell’epoca social sia molto recente — più o meno dal 2018 — l’aspirazione a un idilliaco ritorno alla natura e a una vita semplice esiste fin dalla notte dei tempi. Già la poesia greca e quella romana cantavano le lodi del mondo agricolo e pastorale (ricordiamo tutti, dagli anni di scuola, le Bucoliche e le Georgiche di Virgilio).

Attraversando le epoche, dunque, il medesimo spirito si è reincarnato in forma di tendenza estetica nell’era del web. I primi segnali si sono visti attorno al 2010, grazie alla piattaforma di microblogging Tumblr. Ma a sdoganare e cristallizzare definitivamente il termine cottagecore e i suoi segni distintivi è stata poi la combinazione tra la pandemia e piattaforme come Instagram, Pinterest e TikTok.

Durante il primo lockdown, con il mondo bloccato, alcuni hanno riscoperto ritmi di vita più lenti e il fascino di fare le cose a mano. Panificare, ricamare, restaurare i mobili, cucire da sé gli abiti sono diventati tra gli hobby più gettonati. Chi viveva già in campagna, o chi scappava dalla città verso le seconde case o le abitazioni dei nonni, postava foto e video che trasudavano calma, bellezza e natura. Chi era obbligato a restare in città, invece, con poco spazio in casa e niente da fare fuori, iniziava a chiedersi se non valesse forse la pena di cambiare abitudini e sposare una vita all’aria aperta.

Quali sono le caratteristiche del cottagecore

Una natura morta tipica dello stile cottagecore

Gli elementi principali di questo stile si possono riassumere in due concetti: nostalgia e campagna.
Cibi genuini e rustici, tessuti grezzi e decorati a mano, cappelli di paglia. Oggetti in ceramica e in latta smaltata, vecchi mobili, pentolame in rame, decorazioni romantiche e bucoliche. E poi fiori selvatici, animali domestici, grandi spazi aperti, profumo di panni stesi al sole o di pane appena sfornato.

Molti degli spunti arrivano a loro volta da stili già esistenti. Piccole nicchie che — forse più sui social che nel “mondo reale” — si chiamano con nomi bizzarri ed evocativi: grandmacore (da “grandmother”, nonna), farmcore (da “farm”, fattoria), e i fiabeschi e magici goblincore e fairycore (rispettivamente da “goblin” e “fairy”, fata).

Fai-da-te e giardinaggio

Scenario familiare cottagecore

L’autosufficienza, il giusto tempo per fare le cose, il basso impatto ambientale e il risparmio economico sono alcuni dei principi alla base del cottagecore.
Se qualcosa si può fare in casa, allora perché andarlo a prendere altrove? Questo vale sia per gli abiti che per il cibo e l’arredamento.

Abitare in campagna non è strettamente necessario: anche un piccolo giardino o un orto sul terrazzo o sul tetto permettono di avvicinarsi a questo mondo. Ad esempio basta coltivare diverse varietà di piante — erbe aromatiche, fiori — per attirare insetti differenti, api comprese, e in tal modo favorire la biodiversità.

Per quanto riguarda i mobili, sono ovviamente preferibili quelli d’epoca o comunque di seconda mano, in legno, da restaurare piano piano. Qui vengono in aiuto i prodotti della linea Rio Verde di Renner Italia, I più adeguati per questo stile sono le vernici materiche all’acqua Vintage Prestige, in tutte le tonalità disponibili. Si possono usare anche senza carteggiare, sia per l’interno che per l’esterno, e inoltre sono inodori, certificate e con scarse emissioni COV.
E poi ci sono le Floor Prestige, anche queste all’acqua, facili da applicare e specifiche per le piastrelle.
Infine, per l’esterno — quindi tavoli, panche, ma anche infissi — ci sono le finiture trasparenti, che fanno respirare il legno ma lo proteggono a lungo dal sole e dalle intemperie.

Gli aspetti critici dello stile cottagecore

Un grande bagno stile cottagecore

Come scrive Vittoria Zerbini su Grazia, «Il #cottagecore è un mondo che esiste solo al tramonto, immerso nella luce oro e rosa del cielo, dove non fa mai freddo e si vive in armonia con la natura, anche se non si lavora nei campi. Si indossano vestiti leggeri a stampe floreali e si cammina scalzi».

Questa tendenza idealizza in effetti un modello di vita lontano nel tempo. Ne elimina, però, tutti i lati oscuri, faticosi e conflittuali per salvare praticamente soltanto l’estetica e un ritmo di vita lento, dunque perlopiù incompatibile con la contemporaneità.

Alcune critiche, inoltre, si sono soffermate sul fatto che enfatizzare una tradizione rurale estrapolandola dall’effettivo contesto, potrebbe portare a una banale semplificazione delle storia, dato che il “mondo idilliaco” sognato dagli amanti del cottagecore era in realtà pieno di ombre, quali razzismo, sessismo e colonialismo.

Una camera da letto stile cottagecore

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

Primo piano
Il mordente per legno è un tipo di prodotto che si usa per cambiare colore mantenendo visibili le venature del legno.
#colors
Conosciuta come la “Venezia polacca” e la “città degli gnomi”, Breslavia è anche celebre per i suoi splendidi edifici color pastello.
#colors
Meglio toni caldi o freddi? Ecco alcuni consigli per i colori della cucina, in base a spazi e gusti e sempre alla ricerca dell'equilibrio.
News & Views / Primo piano
Una delle strategie più gettonate dagli interior designer su Instagram è evidenziare una singola parete di un ambiente: ecco il feature wall.
News & Views / Primo piano
Considerato sinonimo di opulenza ed eccesso, il barocco è ritornato in forma contemporanea e più essenziale: il barocco moderno.
#colors
Un tempo residenza degli schiavi musulmani, oggi il quartiere Bo-Kaap di Città del Capo è una delle zone più colorate del Sudafrica.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita