I COLORI DI CAMILLA. L’EBBREZZA DEL GRIGIO

Mi chiamo Camilla, sono una blogger non vedente.

È il colore dei pomeriggi di noia, del cielo gonfio di pioggia, delle nuvole del Nord. Indefinito, elegante, sobrio e sfavillante allo stesso tempo. Sportivo se spento, elegante se lucido, simile all’argento ma ben riconoscibile. Grigio come i topi, come i lupi, quelli belli, quelli rari. Grigio come i cappotti delle signore, come la cenere dei caminetti accesi, come i sassi al mare. Come i capelli di chi ha sempre più primavere sulle spalle.

Grigio come i sassi del mare

Ho avuto molti vestiti e soprattutto molti cappotti grigi. Il primo che ho comprato era un piumino, anti freddo e anti neve. Morbidissimo ed enorme. Mi regalava una bellissima sensazione di caldo e protezione. Poi cresciuta un po’, ho acquistato un cappottino di lana grigia. Lungo al ginocchio, con la parte finale leggermente a ruota. Inserti di lana grigia a forma di fiore e grossi bottoni di un grigio più scuro. Ho due sciarpe preferite: una rossa e una grigia. Quella grigia è un regalo di compleanno: grande e avvolgente, per me è “la sciarpa coperta”. Spessa come le coperte delle nonne, con le frange intrecciate.

Grigio come il cielo gonfio di pioggia

La prima macchina dei miei genitori era grigia. Era la macchina per andare all’asilo, al parco, a trovare la nonna o la zia, ma soprattutto era la macchina dei viaggi. La prima gita seduta sui sedili di cui ho memoria era verso la Toscana. Non ricordo come si chiamasse esattamente il paese, ma era vicina a Collodi, il paese di Pinocchio. Lì c’era in ritiro la nazionale di calcio. Con quella macchina siamo anche andati in Francia, in Calabria e in Puglia. La adoravo, perché aveva un’autoradio tutta particolare. Non serviva cambiare cd ogni volta: inserivi 6 o 7 dischi per volta, quando ne finiva uno in automatico cominciava il successivo.
Con il passare del tempo, le macchine di famiglia sono cambiate, ma erano quasi sempre grigie: ci hanno scarrozzato in giro per l’Italia e l’Europa.

Anche il primo motorino su cui sono salita era grigio. Ero già abbastanza grande, ma emozionatissima. In sella, io e una e mia amica: da appassionate di Cesare Cremonini abbiamo dato gas alla nostra Vespa e, con le note di 50 special nelle orecchie, siamo “andate in giro per i colli bolognesi”.
Il grigio, il colore dei miei viaggi.

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

En plein air / Primo piano
Con lo smart working in aumento, c'è sempre più richiesta di spazi domestici in cui lavorare. Il garden office può essere una soluzione.
Primo piano
Il mordente per legno è un tipo di prodotto che si usa per cambiare colore mantenendo visibili le venature del legno.
#colors
Conosciuta come la “Venezia polacca” e la “città degli gnomi”, Breslavia è anche celebre per i suoi splendidi edifici color pastello.
#colors
Meglio toni caldi o freddi? Ecco alcuni consigli per i colori della cucina, in base a spazi e gusti e sempre alla ricerca dell'equilibrio.
News & Views / Primo piano
Una delle strategie più gettonate dagli interior designer su Instagram è evidenziare una singola parete di un ambiente: ecco il feature wall.
News & Views / Primo piano
Considerato sinonimo di opulenza ed eccesso, il barocco è ritornato in forma contemporanea e più essenziale: il barocco moderno.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita