I COLORI DI CAMILLA. L’OMBRA

Mi chiamo Camilla, sono una blogger non vedente.

Dove c’è ombra non c’è luce, ma mistero e immaginazione. Dall’ombra si dipanano infinite trame: le ombre cinesi proiettate sui muri, i giochi dei bambini che cercano, invano, di scappare dalla propria ombra. Fondamentale come refrigerio al mare, agognata e sognata nel deserto. Assenza che può diventare presenza. Un disegno senza ombra non avrebbe tridimensionalità. Le figure apparirebbero piatte, prive di prospettiva. Sotto un cappello, dietro un occhiale da sole, sotto una palma o sotto un velo.

Il mio babbo è architetto, il chiaroscuro il mio pane quotidiano. Dario Fo, proprio lui, mi regalò un disegno fatto d’ombra. Ero da poco arrivata a Bologna per la laurea magistrale al Dams. Mi incontrai con i miei colleghi di corso e andammo a teatro a vedere quello che, purtroppo, è stato il suo ultimo spettacolo teatrale. Si chiamava: Ciulla, il grande malfattore. A fine spettacolo andai a salutarlo e ringraziarlo. Ricordo che prese un foglio, fece un disegno di un uomo e poi chiese delle lattine di bibite per disegnare l’ombra dell’omino e far risaltare la figura.

Numerosi scrittori – anche se, detto così, suona riduttivo – hanno fatto appello all’ombra. Come Platone nel mito della caverna. Il filosofo racconta di schiavi incatenati in una caverna buia. Impegnati a fissare una parete, alle loro spalle viene acceso un fuoco, di cui loro possono vedere la proiezione sul muro. Davanti al fuoco sfilano animali e oggetti, e gli schiavi, che ignorano la realtà, si illudono si tratti di immagini reali e non di ombre. Gli schiavi hanno sempre vissuto nella caverna, dunque non conoscono il mondo esterno. Cosa voleva dirci con questo mito Platone? Semplificando, che chi vive nell’ombra non conosce la verità, la realtà.
E poi c’è La linea d’ombra di Joseph Conrad, le ombre dei film espressionisti, nel Gabinetto del dottor Caligari. C’è la Moonlight shadow di Mike Oldfield.
L’ombra appare e scompare, dipende dalla luce. Cela e svela.

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

Primo piano
Il mordente per legno è un tipo di prodotto che si usa per cambiare colore mantenendo visibili le venature del legno.
#colors
Conosciuta come la “Venezia polacca” e la “città degli gnomi”, Breslavia è anche celebre per i suoi splendidi edifici color pastello.
#colors
Meglio toni caldi o freddi? Ecco alcuni consigli per i colori della cucina, in base a spazi e gusti e sempre alla ricerca dell'equilibrio.
News & Views / Primo piano
Una delle strategie più gettonate dagli interior designer su Instagram è evidenziare una singola parete di un ambiente: ecco il feature wall.
News & Views / Primo piano
Considerato sinonimo di opulenza ed eccesso, il barocco è ritornato in forma contemporanea e più essenziale: il barocco moderno.
#colors
Un tempo residenza degli schiavi musulmani, oggi il quartiere Bo-Kaap di Città del Capo è una delle zone più colorate del Sudafrica.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita