EN PLEIN AIR. ALLA SCOPERTA DEI LAGHI PIÙ COLORATI DEL MONDO

Signore e signori, allacciate le cinture: siamo in partenza per un viaggio alla scoperta dei laghi più colorati del mondo. Dieci mete da inserire nella nostra wishing list: dal Senegal alla Nuova Zelanda, dall’Austria al Giappone, dall’Indonesia al Canada. Dal deserto fino ai ghiacci. Laghi rosa, rossi, verdi, turchesi, gialli. Venite con noi e cominciate a pianificare il prossimo viaggio: non ve ne pentirete.

IL LAGO ROSA DEL SENEGAL, UNO DEI LAGHI PIÙ COLORATI DEL MONDO

Il Lago Rosa in Senegal

A meno di un’ora dalla capitale del Senegal, c’è un lago in grado di conquistare immediatamente l’attenzione del visitatore: è il lago Retba, anche noto – soprattutto dai locali – come lago Rosa. Come è facile immaginare, questo lago deve il suo nome al suo essere rosa. Rosa confetto, rosa più carico, rosa quasi viola: il suo colore cambia a seconda dei momenti della giornata e dei periodi dell’anno. Il lago Retba è naturalmente rosa: il merito è di una micro alga, la Dulaniella salina, attratta dalle acque a particolare concentrazione salina. Il lago Retba, infatti, ha una salinità pari – e nella stagione secca (tra novembre e giugno) addirittura superiore – a quella del Mar Morto. La Dulaniella – assolutamente innocua per l’uomo: il lago, infatti, è balneabile – produce un pigmento rosso per assorbire la luce solare, dando origine al meraviglioso colore che rende unico il lago Retba. Il sale del lago viene raccolto e commercializzato: le sue rive sono perennemente affollate di raccoglitori di sale e di pile di sale. Questi uomini e queste donne raccolgono a mano il sale dal fondo del lago e lo stipano in ceste: tendenzialmente viene utilizzato per conservare il pesce.
Immagine di Arnault – originally posted to Flickr as Lac rose, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=7844442

IL LAGO HILLIER IN AUSTRALIA, ROSA COME LA GOMMA DA MASTICARE

I laghi più colorati del mondo: il lago Hillier in Australia

Il lago Retba non è l’unico lago rosa del mondo: un altro molto famoso è il lago Hillier, in Australia. Il lago Hillier è un lago salato situato su Middle Island, la più grande isola dell’Arcipelago Recherche, nella regione Goldfields-Esperance a sud delle coste dell’Australia occidentale. Il lago Hillier, uno dei laghi più colorati del mondo, è circondato da uno strato di dune sabbiose e da un fitto bosco di eucalipto e di Melaleuca. È separato dalla costa settentrionale di Middle Island da una stretta striscia di dune di sabbia ricoperte dalla vegetazione. In questo caso i responsabili del colore del lago sarebbero – come sostiene la maggior parte della comunità scientifica – la Dulaniella salina e alcune specie di alobatteri. Dalla loro interazione scaturirebbe il meraviglioso colore “rosa gomma da masticare” del lago Hillier. Per un breve periodo, il sale del lago fu estratto, poi tutto si interruppe per una serie di ragioni, tra le quali “la tossicità del sale raccolto per il consumo”. Oggi il lago Hillier è chiuso al pubblico, la lo si può ammirare dall’alto, in elicottero.

IL GRAND PRISMATIC SPRING IN WYOMING, STATI UNITI

I laghi più colorati del mondo: il Grand Prismatic Spring

La Grande Sorgente Prismatica – traduzione letterale di Grand Prismatic Spring – entra di diritto tra i 10 laghi più colorati del mondo. Si trova nel Parco nazionale di Yellostone ed è la più grande sorgente calda (parliamo di 70°) degli Stati Uniti: nasce nel Midway Geyser Basin ed è situata a circa 12 chilometri a nord del famoso geyser Old Faithful. I suoi colori sono tanto incredibili quanto meravigliosi: rosso, arancione, giallo, verde e blu, così simili a quelli che si vedono quando la luce bianca si scompone attraversando un prisma. Tonalità estremamente brillanti, risultato di un tappeto microbiotico intorno ai bordi del lago, bordi ricchissimi di minerali. Questo tappeto microbiotico produce colori che vanno dal verde al rosso: tutto dipende dal rapporto tra clorofilla e carotenoidi, oltre che dal gradiente di temperatura. In estate, il tappeto tende a essere arancione e rosso, in inverno verde scuro.
Immagine di Brocken Inaglory, CC BY-SA 3.0,
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=6051164

IL LETALE LAGO NATRON IN TANZANIA

I laghi più colorati del mondo: il lago Natron in Tanzania

Tanzania, Rift Valley africana, 600 metri di altitudine, vicino al confine keniota. È qui che sorge il lago Natron, profondo a malapena 3 metri. Ecco un altro meritevole esponente dei laghi più colorati del mondo: il suo colore caratteristico è il rosso scuro e profondo, con striature biancastre superficiali dovute all’accumulo di sodio, caratteristica comune ai laghi con intensi cicli di evaporazione. Con l’evaporazione dell’acqua durante la stagione asciutta, il livello di salinità aumenta a un punto tale che colonie di microrganismi cominciano rapidamente a prosperare. Tra questi, i cianobatteri, che contengono il pigmento rosso responsabile del colore del Natron. L’acqua del lago è estremamente caustica per la pelle a causa di un elevato composto naturale, noto appunto come “natron”, letale per moltissimi animali che al contatto rischiano di rimanere pietrificati. Tra gli esseri viventi in grado di sopravvivere in queste acque c’è il fenicottero minore, grazie a uno strato protettivo su zampe e becco. Il natron, in passato, era utilizzato nelle operazioni di imbalsamazione per le sue proprietà disidratanti. La miscela presente in questo lago rende le acque simili all’ammoniaca, con un Ph alcalino e una temperatura che può raggiungere i 60°C.

TRA I LAGHI PIÙ COLORATI DEL MONDO IL WAI-O-TAPU IN NUOVA ZELANDA

I laghi più colorati del mondo: Artist’s Palette a Waiotapu, Nuova Zelanda

Waiotapu, in lingua Maori Wai-O-Tapu, “acque sacre”, è un’area geotermale situata a sud del centro vulcanico Okataina e a nord della caldera del Reporoa, zona vulcanica di Taupo. La zona è nota per una serie di realtà naturali – geyser, piccoli laghi, “piscine naturali” – estremamente colorate: i geyser Lady Knox, Champagne Pool, Artist’s Palette, Primorose Terrace e ribollenti piscine di fanghi. Si può visitare questo incredibile contesto a piedi, ma è necessario tenere presente che buona parte dell’area, da quando è stata nominata riserva nel 1931, è gestita da un’associazione turistica.

I LAGHI CANGIANTI DI KELIMUTU, IN INDONESIA

I laghi più colorati del mondo: i laghi di Kelimutu, Indonesia

Isola di Flores, Indonesia. Siamo sulla vetta del monte Kelimutu: qui sorgono tre meravigliosi laghi, che entrano di diritto nel nostro avventuroso viaggio alla scoperta dei laghi più colorati del mondo. Questi tre laghi, infatti, offrono uno spettacolo unico al mondo: cambiano colore. Uno accanto all’altro, separati solo da una striscia di roccia, cambiano autonomamente l’uno dall’altro. Dal marrone all’azzurro, dal rosso al turchese, dal verde al nero: fenomeni di questo tipo di registrano esclusivamente in questa zona del mondo. Leggenda vuole che i loro colori dipendano dall’umore degli antichi spiriti che vivono nella zona: un luogo sacro, dove le anime degli antenati defunti trovano il riposo eterno. Scientificamente, nonostante non sia mai stata svolta un’indagine, si ipotizza che queste variazioni di colore siano legate alla fuoriuscita di gas sotterranei e dalle reazioni chimiche di minerali presenti nell’acqua.
Immagine di Neil, www.neilsrtw.blogspot.com – Kelimutu, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=9373622

IN BOLIVIA CI SONO LE LAGUNES DE COLORES

I laghi più colorati del mondo: la laguna Colorada

Le lagune dei colori sono una serie di laghetti salati caratterizzati da una intensa colorazione, separati tra di essi da sottili strisce di terra. Sorgono nella Cordigliera delle Ande, nel sudovest della Bolivia, all’interno della Riserva nazionale di fauna andina Eduardo Avaroa. Le più note sono la laguna Colorada; la laguna Verde; la laguna Celeste; la laguna Blanca. Questi laghi possono assumere colorazioni che vanno dal verde scuro al bianco, passando per il celeste e il blu. La laguna Colorata è un lago rosso, colorazione che deriva dalla deposizione di sedimenti rossi, dalla presenza di microorganismi e dalla pigmentazione di alcune alghe. La laguna Verde deve la sua colorazione ai sedimenti che si depositano sul fondo, composti da minerali di rame. Il nome della laguna Celeste deriva dalla colorazione azzurro chiaro delle sue acque, dove trovano riparo e nutrimento grandi stormi di fenicotteri delle Ande. La laguna Blanca è bianca, merito dell’elevato contenuto di sali minerali in sospensione.

LA BELLEZZA MOZZAFIATO DEL LAGO PEYTO IN CANADA

I laghi più colorati del mondo: Peyto Lake in Canada

Rosso, rosa, arcobaleno. Ma talvolta anche un lago turchese può risultarci pressoché incredibile. È il caso del lago Peyto e del suo color turchese, talmente puro da risultare artificiale. Invece no: la sua splendida colorazione è assolutamente naturale. Il lago Peyto, uno dei laghi più colorati del mondo, è alimentato da un ghiacciaio. Siamo nel Banff Natiional Park sulle Montagne rocciose canadesi. In estate, significative quantità di ghiaccio finiscono nel lago e queste particolari “rocce sospese” regalano al Peyto on brillante color turchese, gettonatissimo per scatti e selfie dei turisti.

IL MONDO SOMMERSO DEL GRÜNER SEE IN AUSTRIA

I laghi più colorati del mondo: il Gruner see in Austria

Tradotto, Grüner See significa Lago verde. Siamo in Stiria, Austria, in un paese che si chiama Tragöß. Il lago è circondato dalle montagne calcaree e dalle foreste del Gruppo dell’Hochschwab, ma non esiste sempre: solo nei mesi più caldi, quando il suo bacino si riempie grazie alle nevi delle vette che si sciolgono. Piano piano, poi, le acque recedono, fino anche a scomparire. Tra maggio e luglio raggiunge il suo massimo splendore, diventando incredibilmente verde, un preziosissimo verde smeraldo. Il merito è del riflesso della foresta circostante e della vegetazione che ne ricopre il fondo (e che cresce quando non c’è acqua). Quando il bacino è pieno, tutto ciò che rimane sott’acqua – alberi, strade – diventa un vero e proprio mondo sommerso, paradiso per gli appassionati di immersioni.

TRA I LAGHI PIÙ COLORATI DEL MONDO  ANCHE L’OKAMA CRATER IN GIAPPONE

I laghi più colorati del mondo: l’Okama Crater in Giappone

Concludiamo il nostro viaggio tra i laghi più colorati del mondo in Giappone, più precisamente nella prefettura di Miyagi. Qui troviamo il Cratere Okama, lago vulcanico nato da un’eruzione vulcanica. Circondato dal monte Kattadake della catena dello Zao, dal monte Kumanodake e dal monte Goshikidake, assomiglia a una pentola: ecco spiegato il suo nome (okama significa pentola, bollitore). Anche l’Okama, come il Grüner See, è verde smeraldo, ma cambia sfumatura a seconda dell’angolo della luce. Per questo è chiamato anche Goshikinuma, ovvero lago dei 5 colori: la sua colorazione, infatti, è variabile e va dal verde smeraldo al turchese. Come detto dipende dal punto di vista, ma anche dal meteo e dalle stagioni. Se state pianificando una vacanza da queste parti, attenzione: il vulcano è attivo, dunque è importante controllare in anticipo gli avvertimenti eruzioni. In generale, il periodo migliore per visitarlo è tra maggio e ottobre. Nei mesi invernali ghiaccia, trasformandosi in un paradiso per gli amanti degli sport invernali.

 

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

Primo piano
Il mordente per legno è un tipo di prodotto che si usa per cambiare colore mantenendo visibili le venature del legno.
#colors
Conosciuta come la “Venezia polacca” e la “città degli gnomi”, Breslavia è anche celebre per i suoi splendidi edifici color pastello.
#colors
Meglio toni caldi o freddi? Ecco alcuni consigli per i colori della cucina, in base a spazi e gusti e sempre alla ricerca dell'equilibrio.
News & Views / Primo piano
Una delle strategie più gettonate dagli interior designer su Instagram è evidenziare una singola parete di un ambiente: ecco il feature wall.
News & Views / Primo piano
Considerato sinonimo di opulenza ed eccesso, il barocco è ritornato in forma contemporanea e più essenziale: il barocco moderno.
#colors
Un tempo residenza degli schiavi musulmani, oggi il quartiere Bo-Kaap di Città del Capo è una delle zone più colorate del Sudafrica.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita