Un salotto moderno in stile eclettico, con arredi di diversi stili, pattern differenti e diversi colori

Stile eclettico

«L’eclettico è chi ha un ingegno multiforme e vivace, e che, nonostante rivolga la propria attenzione e il proprio interesse in molte direzioni, non ha mai la superficialità del capriccioso e del mutevole — tendendo invece, con la sua composita ricerca, ad un disegno unitario armonico». La definizione, tra le migliori che sia possibile trovare, è del sito Una parola al giorno, e punta l’attenzione su due aspetti fondamentali. Uno: l’eclettismo non è superficiale. Due: ricerca l’armonia. Entrambi sono punti focali di uno degli stili d’arredamento più difficili da incasellare ed etichettare: lo stile eclettico, appunto.
Per quanto sia difficile definirlo — e dunque stabilire delle regole precise — proviamo a capire di che si tratta.

Una galleria di ispirazioni in stile eclettico

Open space con salotto e sala da pranzo arredati in stile eclettico

Mischiare colori e arredi che possano valorizzarsi a vicenda. Creare contrasti e affinità, come in questo salotto in stile scandinavo-eclettico, che punta su pattern geometrici e linee rette e rompe gli schemi con sedie diverse le une dalle altre.

Coloratissimo salotto in stile eclettico con tappeto a motivi geometrici, divano blu e molte stampe appese alla parete

Un salotto che punta sul multicolore, adottando il blu come tonalità principale, accompagnata da molte altre tinte per i tessuti (tappeto e cuscini), per la sedia, i fiori e le molte stampe appese alla parete.

Stanza da letto per bambini in stile eclettico sui toni del bianco, del giallo, del rosa e del ciano

All’insegna del colore anche questa cameretta, che usa tre tinte principali (giallo, ciano e rosa, più il bianco, il nero e il legno naturale) per creare armonia.

Un ambiente in stile industrial diventa eclettico grazie a elementi “dissonanti” come il tappeto e i cuscini a fiori

Un ambiente in stile industrial diventa eclettico grazie a elementi “dissonanti” come il tappeto e i cuscini a fiori.

Stanza con decori e arredi vintage ringiovanita con colori accesi e tessuti di diversi stili

Una stanza con decori e arredi vintage “ringiovanita” con colori accesi e tessuti di diversi stili.

Qual è lo stile eclettico nell’arredamento?

Salotto in stile eclettico con arredi modernisti e vintage, elementi e tessuti orientaleggianti, stampe moderne alla parete e muro di colore scuro

Lo stile eclettico è un miscuglio pensato e non casuale di diversi stili. Si “pescano” elementi dall’uno e dall’altro per ottenere un insieme che sia armonico e stimolante.
La sua origine si fa risalire al mondo anglosassone — dunque Regno Unito e Stati Uniti — tra il ‘700 e la fine dell’800, il periodo delle grandi esplorazioni, delle scoperte e delle invenzioni. Man mano che arrivavano nuovi materiali e materie prime, e che spuntavano nuove tecnologie, artigiani e artisti davano vita a creazioni che a loro volta facevano fiorire tendenze. Queste poi andavano a “stratificarsi” nelle case delle famiglie più benestanti.

Nel corso del tempo, questo “mettere insieme pezzi differenti” è mutato molto, evolvendosi con il trasformarsi del gusto e degli stili di vita. Ciò che è rimasto sempre costante è il tentativo da allontanarsi dall’omologazione. Lo stile eclettico è dunque particolarmente appropriato per tutte quelle persone creative, vivaci e con uno spiccato senso dell’ironia.

Come arredare in stile eclettico?

Come già detto, è impossibile racchiudere questo stile in un modello univoco e in regole precise. Si possono però evidenziare alcune caratteristiche per i diversi elementi che compongono gli spazi dell’abitare.

Le pareti

Salotto con angolo cucina nei colori pastello e carte da parati con motivi geometrici

Si possono usare carte da parati oppure puntare sulle vernici.
Le prime dovrebbero avere colori decisi e saturi, pattern geometrici o con richiami alla natura.
Per quanto riguarda le vernici, invece, sono consigliate le tinte audaci, o comunque in forte contrasto con i colori del mobilio. Il bianco e i colori neutri, quindi, non sono da scartare a priori.
Ogni stanza può avere una sua personalità, dunque va bene decorare alcune stanze o singole aree con le carte da parati e in altre lasciare invece il muro a vista. L’importante è mirare a ottenere un certo equilibrio.

I pavimenti

Ambiente con salotto e camera da letto divise da separé in legno e pavimenti in maiolica

Lo stesso discorso vale per i pavimenti. Le “scacchiere” di piastrelle di colori diversi, oppure le maioliche artigianali a tema floreale o geometrico danno una marcia in più a ogni stanza. Chi volesse optare per qualcosa di davvero unico potrà utilizzare le vernici Floor Prestige di Rio Verde, appositamente pensate per le piastrelle (ecco qui come usarle).

Per il parquet: ben vengano pavimenti in legno lucidi verniciati, o con tinte diverse dal solito. Si possono creare rosoni o mosaici, cornici o decorazioni particolari.

Attenzione: se la “star” è il pavimento, meglio non esagerare con pareti e mobilio. Il fine non è il caos ma — lo ripetiamo — l’armonia. Con un pavimento protagonista lo scopo è creare tutt’attorno un “concerto” di forme e colori, non una cacofonia.

L’arredamento

Cucina moderna in stile eclettico con sedie tutte differenti, tappeto, parete con decorazione geometriche e, sulle sfondo, un salotto molto colorato

Le possibilità sono infinite. Vanno benissimo mobili recuperati dai mercatini, “arredi della nonna” o di epoche lontane. E poi specchi intagliati, cornici antiche, paralumi in stoffa, tappeti orientali, cuscini decorati, ricordi di viaggio, oggetti pop, accessori di design…
In cucina, per esempio, si può osare con un frigorifero colorato, decorare gli stipetti, scegliere un lampadario dalle forme inusuali.
In camera da letto è consentito stravolgere le regole non scritte che vorrebbero colori e forme senza eccessi. Largo dunque a tinte vivaci, testiere imbottite e ricamate, copriletti sgargianti e magari comodini moderni con elementi metallici.

I tessuti

Salotto in stile eclettico con arredi etnici e tessuti dai molti motivi differenti

Tende e tappeti vanno scelti con cura. Molto gettonati sono i tessuti esotici d’ispirazione africana o sudamericana, con forme geometriche e colori decisi. Con un po’ di ricerca nei mercatini dell’usato si possono inoltre trovare pezzi vintage molto interessanti.
Va benissimo anche il fai-da-te. Chi ha un animo artistico potrà decorare a piacere le tende con le vernici della linea Vintage Prestige di Rioverde, che possono essere usate su molti materiali, dal legno ai metalli, dalla plastica al vetro, dal muro alla stoffa. Sono a base acquosa, inodori, a scarse emissioni COV e disponibili in molte tinte differenti.

Lo stesso vale per i tappeti: non si deve aver paura di osare. Se ne possono scegliere di colorati, con contrasti decisi, dai ricami preziosi o dai pattern esotici.

Le piante

Un salotto in stile eclettico, con arredi dai molti stili, carta da parati a pattern azzurri e molte piante

Circondarsi di piante fa sempre bene. Abbelliscono ogni ambiente, mettono di buon umore e riducono l’ansia.
Nell’ottica dell’eclettismo, si possono utilizzare molte tipologie differenti, sia per dimensioni che per specie. Grandi felci dalle foglie larghe così come piantine aromatiche (soprattutto in cucina). Cactus e piante grasse insieme ad aree piene di fiori.

I vasi vanno scelti con molta cura, puntando su stili e tinte differenti. Anche in questo caso le vernici Rio Verde arrivano in soccorso di chi ha voglia di personalizzare e rendere unici persino i pezzi più semplici: dai toni pastello della già citata linea Vintage Prestige a quelli metallici della Golden Prestige.

Gli errori da evitare con lo stile eclettico

Salotto di un ambiente industriale convertito in appartamento, con grande finestra sul giardino, ampi volumi, stufa in ghisa e arredi in stile eclettico

Il primo e più comune sbaglio commesso da chi tenta di arredare in stilo eclettico è e-sa-ge-ra-re.
Servono infatti tempo, pazienza e molto occhio. Non si può semplicemente buttare tutto in una stanza senza alcun criterio e definirlo “stile eclettico”. Quello è né più né meno che disordine.

I consigli che possiamo dare sono questi:

  • valutare bene la grandezza degli ambienti. Più sono piccoli e meno vanno riempiti;
  • definire uno o al massimo due “protagonisti” della stanza. Possono essere degli arredi antichi, preziosi o inusuali. Oppure un grande lampadario. O ancora una carta da parati o un pavimento. Attorno a questi elementi va poi costruito un “coro” equilibrato di co-protagonisti che li valorizzino;
  • non eccedere coi colori, soprattutto per quanto riguarda i pezzi più grandi;
  • sfogliare molte riviste e guardare siti d’arredamento e profili social di designer così da trovare le ispirazioni giuste.
icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

En plein air / Primo piano
Con lo smart working in aumento, c'è sempre più richiesta di spazi domestici in cui lavorare. Il garden office può essere una soluzione.
Primo piano
Il mordente per legno è un tipo di prodotto che si usa per cambiare colore mantenendo visibili le venature del legno.
#colors
Conosciuta come la “Venezia polacca” e la “città degli gnomi”, Breslavia è anche celebre per i suoi splendidi edifici color pastello.
#colors
Meglio toni caldi o freddi? Ecco alcuni consigli per i colori della cucina, in base a spazi e gusti e sempre alla ricerca dell'equilibrio.
News & Views / Primo piano
Una delle strategie più gettonate dagli interior designer su Instagram è evidenziare una singola parete di un ambiente: ecco il feature wall.
News & Views / Primo piano
Considerato sinonimo di opulenza ed eccesso, il barocco è ritornato in forma contemporanea e più essenziale: il barocco moderno.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita