Primo piano di una termite del legno

Termiti del legno: come eliminarle?

Sono tanto importanti per l’ecosistema quanto dannose per le strutture create dall’uomo. Incredibilmente voraci, le termiti del legno sono tra i parassiti più distruttivi in assoluto. Diffuse soprattutto nelle zone tropicali, alcune specie sono presenti anche in Italia. E sono più subdole dei tarli, in quanto non lasciano quasi mai segni evidenti della loro presenza.
Cerchiamo quindi di capire come riconoscerle e, in caso, cosa fare.

Cosa sono le termiti?

Cosa sono le termiti del legno

Le termiti sono organismi xilofagi, cioè si nutrono di legno, come i tarli. A differenza di questi, però, non sono coleotteri, ma isotteri.
L’ordine raccoglie più di 2000 specie, diffuse soprattutto nelle regioni tropicali. Si tratta di animali sociali, le cui colonie sono suddivise in “caste”.
Questi insetti hanno un ruolo fondamentale nell’ecosistema mondiale. Con le loro robuste mandibole, in grado di rompere e sminuzzare il legno, esse smaltiscono un terzo di tutta la materia residua prodotta ogni anno dalle piante delle foreste tropicali. In questo modo favoriscono il ricambio naturale, rendono fertile il terreno e fanno spazio per nuovi organismi.

La struttura sociale delle termiti

La struttura sociale delle termiti del legno

  • Re e regine: sono i fondatori della colonia e rappresentano la casta feconda (le termiti operaie e le termiti soldato sono sterili). Hanno occhi sviluppati. Le femmine, che possono essere molto più grandi dei maschi, hanno il ventre pieno di uova. In alcune specie le regine possono vivere quasi un secolo. Nascono con le ali e, una volta raggiunta la maturità, lasciano la colonia di origine alla ricerca di un nuovo nido.
  • Operaie: sono le più numerose della colonia. Sono prive di occhi e non hanno ali. Hanno diverse mansioni: procurare il cibo, costruire nidi e scavare gallerie. Sono quelle che causano la maggior parte dei danni alle strutture lignee.
  • Termiti soldato: difendono la colonia. Hanno grosse mandibole e con i loro morsi sono in grado di rilasciare fluidi tossici. Alcune hanno un capo più sviluppato che funge da “scudo”.
  • Termiti alate: sono le future regine e i futuri re, che lasceranno la colonia d’origine per fondarne una propria. Hanno le ali e spesso vengono confuse per formiche alate.

Le termiti del legno sono diffuse anche in Italia?

Kalotermes flavicollis

Nonostante si possano trovare perlopiù nei paesi tropicali, anche in Italia sono presenti alcune specie di termiti.
Normalmente vivono in ambienti urbanizzati e si nutrono principalmente di vecchie piante industriali e forestali. Non disdegnano tuttavia giardini o strutture lignee di case, chiese e monumenti. Sono ghiotte anche del materiale cartaceo presente in biblioteche e archivi.
Un’alta concentrazione di umidità è il requisito base per far sì che possa verificarsi un attacco da parte delle termiti.

Sono due le specie che si trovano nel nostro paese:

  • termite dal collo giallo (Kalotermes flavicollis): sono diffuse in tutto il Mediterraneo, ma anche in Francia e Germania. Le colonie sono composte circa da 1000/2000 individui. Vivono principalmente dentro agli alberi morenti, ma sono in grado si attaccare le piante in salute o le strutture delle case. Il loro corpo è bruno-nerastro e con una zona di colore giallo sul dorso;
  • termite lucifuga (Reticulitermes lucifugus): è la più presente in Italia. Si può trovare anche a grandi altitudini. Vive in colonie molto grandi, che possono arrivare fino a un milione di individui.
    La termite lucifuga predilige seminterrati e locali umidi, e i suoi nidi sono solitamente a contatto con il suolo. Come la termite dal collo giallo, attacca piante morenti o deperite, ma non disdegna le strutture in legno delle case. Gli adulti di questa specie sono nerastri, mentre le termiti soldato sono bianco-giallastre.

Come riconoscere le termiti dai tarli e dalle formiche

Riconoscere una termite del legno voltante da una formica volante

Per capire se si ha una infestazione di termiti, di tarli o se si tratta semplicemente di formiche volanti, occorre prestare molta attenzione.

I tarli del legno sono riconoscibili dai fori di sfarfallamento e dal rosume (segatura finissima simile a polvere) che lasciano su mobili, oggetti, travi o strutture. Le termiti, invece, non lasciano segnali di alcun tipo all’esterno dell’elemento infestato o della pianta.

Se si nota la presenza di insetti alati che assomigliano a formiche, bisogna osservarne bene forma e colore. Le termiti sono più pallide rispetto alle formiche nere e il loro corpo è diviso in due sezioni (quello delle formiche è invece in tre sezioni). Nell’immagine qui sopra, in alto c’è una termite, in basso una formica.

Come capire se c’è un’infestazione da termiti del legno?

Legno mangiato dalle termiti

Ci sono alcuni segnali ben precisi. Vediamo quali sono.

  • Sciamanatura: è uno dei pochi segnali che rende visibile all’esterno la presenza di termiti.
    Solitamente in primavera o in estate gli individui provvisti di ali e sessualmente maturi escono dal nido. Dopo aver volato intorno alla colonia, atterranno, perdono le ali e cercano un compagno per andare a formare una nuova colonia.
  • Legno vuoto: le termiti consumano il legname mangiando dall’interno verso l’esterno. Lasciano solo una sottile patina esterna di legno o vernice.
    Per capire se il legno è infestato basterà picchiettare per saggiarne la consistenza. C’è anche la cosiddetta “prova dell’impronta”: se schiacciando col dito sulla superficie legnosa rimane il segno, significa che il materiale sottostante è stato consumato.
  • Porte, ante e infissi difficili da chiudere: le termiti rilasciano nel legno i loro escrementi, che trattengono l’umidità e quindi tendono a far gonfiare l’elemento infestato.
  • Crepe: se si notano crepe o spaccature nel legno è importante controllarne l’origine.

Termiti del legno: come eliminarle?

Disinfestazione delle termiti del legno

Ci sono diverse tecniche che possono essere usate per eliminare le termiti ma è assolutamente necessario rivolgersi a dei professionisti.
Ci sono siti che suggeriscono metodi fai-da-te ma non si può avere la certezza che siano efficaci al 100%. Talvolta vengono anche consigliati prodotti che possono nuocere alla salute di persone o animali domestici, quindi è meglio evitare.

Sono due le modalità d’azione più diffuse:

  • disinfestazione: vengono utilizzati dei prodotti disinfestanti specifici. Sono insetticidi che vengono iniettati all’interno della struttura in legno infestata;
  • trappole o esche chimiche: si possono usare anche esche alimentari per colpire la colonia e avvelenarla lentamente fino a colpire i “reali” e quindi far estinguere la colonia. Questa tecnica è molto usata perché spesso i nidi possono essere in profondità nel terreno, anche a centinaia di metri dalla zona infestata.

Il trattamento antitermite: perché è importante?

Trattamento antitermite RA3000 Rio Verde

Per prevenire l’infestazione da termiti è innanzitutto necessario puntare su una costante pulizia e disinfezione della casa. Controllare regolarmente gli elementi in legno e le piante del giardino. Assicurarsi che non ci siano tubature che perdono ed evitare il più possibile di avere zone umide in casa.
Ci sono poi i trattamenti, utili sia per scongiurare una prima infestazione sia per evitare il ritorno delle termiti dopo una disinfestazione.

Il preservante antitarlo / antitermite RA3000 della gamma Rio Verde di Renner Italia può essere applicato su tutto ciò che è in legno: mobili, arredi da giardino, serramenti, portoni, rivestimenti, travature, perlinature, balconi, casette, staccionate, gazebo.

È un prodotto che previene gli attacchi delle termiti (e dei tarli) penetrando in profondità grazie alla sua tecnologia di micro emulsione stabilizzata.
Va applicato almeno 2 o 3 volte, non lascia residui, è semplice da utilizzare e rispetta la normativa europea sui biocidi.
Oltre a prevenire, riesce anche a eliminare le termiti, qualora si riuscisse a trovarne il nido.

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

#colors
Vietri sul Mare, il più grande centro della costiera amalfitana, non è conosciuto solo per le bellezze naturali ma anche per le ceramiche.
Primo piano / Suggerimenti
Scopriamo insieme come sverniciare il legno in modo naturale. Le principali tecniche, gli attrezzi, i trucchi del mestiere per sverniciare velocemente e le pratiche ormai desuete.
News & Views
Il mercato dei vinili è ancora una nicchia, ma in costante aumento. E c'è sempre più gente che dedica un angolo della casa al giradischi.
News & Views / Primo piano
Il Milano Design Film Festival è un evento unico nel suo genere e porta in Italia film da tutto il mondo dedicati ad architettura e design.
News & Views
Protagonista dei cataloghi di arredamento e delle pagine delle riviste di design, il divano senape si abbina a moltissimi stili e colori.
News & Views / Primo piano
Nato nell'omonima città messicana, lo stile Mérida è frutto della fusione tra tradizioni e contemporaneità.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.