Un divano coi pallet, idee e consigli

Ormai da anni i comuni pallet per il trasporto delle merci hanno conquistato il ruolo — un tempo impensabile — di protagonisti dell’arredo domestico (e non solo). Robustezza, economicità, facilità di personalizzazione e capacità di prestarsi a mille usi li hanno trasformati in materiali perfetti per costruire numerosi elementi. Con poche nozioni di fai-da-te possono infatti diventare letti, tavolini da caffè, mensole, scaffali, giardini in verticale. Ma tra i pezzi più cercati in assoluto c’è certamente il divano coi pallet, perfetto sia per l’uso all’interno che in esterno, e in ambienti di molti stili differenti: dall’industrial allo shabby chic.
Ecco quindi qualche idea per realizzarlo.

Una galleria di ispirazioni per il divano coi pallet

Grande loft in stile industriale con quattro vetrate e divani costruiti con i pallet

Grandi ambienti dallo stile industriale? I pallet possono diventare divani, tavolini, librerie, fioriere, letti e poltrone… c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Salotto in stile scandinavo con divano e tavolino da caffè realizzati coi pallet

Il divano in pallet si abbina perfettamente anche a un salotto in stile scandinavojapandi.

Salotto total white con tavolino da caffè e divano costruiti coi pallet

Perfetto per un ambiente in stile total white, il divano in pallet può essere personalizzato come più si preferisce. Basta munirsi di pennello e vernici per creare un complemento d’arredo su misura del colore che si ama, magari abbinandovi anche un tavolino da caffè.

Salotto luminoso e spazioso con grande divano d'angolo realizzato coi pallet. I cuscini sono multicolore. Nella stanza si vedono anche una lavagna appoggiata al muro e due specchi circolari appesi

Giocare con cuscini colorati, nuovi o di recupero, realizzati riutilizzando stoffe e tessuti in ottica di risparmio ed ecosostenibilità. Le cromie serviranno a ravvivare ambienti altrimenti scuri o monocromatici.

Grande terrazza dove un bambino, all'ombra di un ombrellone, gioca in piedi su un divano costruito coi pallet, con cui è stato realizzato anche un tavolino da caffè.

I divani in pallet sono resistenti e si adattano a diversi ambienti, sia per interno che per esterno. Comodi, dall’ampia seduta, adattabili e originali.

Una piccola terrazza piena di piante e con all'angolo un divano in pallet coi cassetti

Terrazzo piccolo? Nessun problema. Un divano in pallet può adattarsi a qualsiasi spazio. Basterà prendere le misure giuste per tagliare il legno dove serve, aggiungere dei cuscini e il gioco è fatto.

Due poltrone realizzate con pallet

È possibile realizzare anche poltrone in pallet. Si possono posizionare in un angolo vuoto della casa, vicino ad una libreria o in camera da letto. I più esperti del fai da te potranno aggiungere dei cassetti negli spazi tra un’asse e l’altra.

Perché si chiama pallet?

Salotto in stile industriale con parete con mattoni a vista, lampadari industriali, divano a tre posti realizzato con pallet. Al muro sono appese due lettere, NY. A terra c'è una cassa che funge da tavolino, con sopra una bottiglia di vino e due bicchieri. Si vedono anche due quadri messi di verso, poggiati alla parete

Il termine pallet ha origine anglosassone. In inglese significa “piattaforma” e deriva a sua volta dal francese palette.
Viene chiamato anche bancale o pancale, oltre che pedana o paletta di carico.
Al di là del nome, il suo utilizzo primario è il trasporto della merci.

Ma chi ha inventato il pallet?
Le origini risalgono alla Seconda guerra mondiale, quando l’esercito degli Stati uniti trasportava rifornimenti in Europa. Grazie a queste piattaforme in legno, pensate per essere spostate coi carrelli elevatori, lo stoccaggio e il trasporto erano più semplici. Dall’uso bellico si è poi passati all’uso civile che ben conosciamo.

Dove trovare i pallet?

Attico open space in stile industriale, con arredi (divani, tavolo da caffè e muretto) realizzati coi pallet

Per fare un divano con i bancali ci vogliono almeno 3 strutture in legno, due per la seduta e una (da tagliare a metà) per lo schienale. Il numero pallet aumenta se lo si vuole rialzato, se servono i braccioli… Insomma, vanno valutate tutte le eventuali parti “extra”.

Il costo dei pallet è davvero ridotto, soprattutto se si considera che spesso si possono avere gratis rivolgendosi alle aziende di trasporto e logistica. In genere ne hanno molti da buttare. Altra “fonte” potrebbero essere i supermercati e i negozi della propria zona.

I pallet, però, si possono anche acquistare nuovi. Online ci sono molti rivenditori. Alcuni commercializzano strutture ad hoc già predisposte per essere trasformate in divano.

Come realizzare un divano in pallet

Macchia di vernice bianca e pennello su superficie fatta di assi di legno, tipo pallet

Una volta deciso che forma avrà il vostro divano, magari prendendo ispirazione dalla galleria qui sopra, è necessario sistemare il legno grezzo dei bancali per evitare che qualcuno si possa far male o che la struttura possa danneggiare il pavimento.
Ecco i passaggi da seguire.

  • Levigare: questo evita che si creino schegge o si stacchino pezzetti di legno che potrebbero fare del male a qualcuno. È importante dedicare il giusto tempo per levigare ogni asse con attenzione: non si deve avere fretta.
    Conviene cominciare con una carta a grana grossa (almeno 120) e poi ritoccare con una più fine (ad esempio 250).
  • Unire le parti: una volta levigato il legno è possibile avvitare ed unire le varie componenti affinché non si spostino o separino, rischiando di far cadere a terra qualche malcapitato. Se per esempio si vuole un divano composto da due pallet è bene unirli tra di loro con delle staffe. Allo stesso modo vanno fissati eventuali schienali o braccioli.
    Attenzione anche a chiodi sporgenti o inseriti male: con un colpo di martello si possono facilmente eliminare.
    Per evitare di rovinare il pavimento — soprattutto se in legno — vanno posizionati dei feltrini o della stoffa alla base del divano.
  • Dipingere: il tocco finale è dato dalla pittura.
    Le vernici Vintage Prestige di Rio Verde sono la soluzione perfetta per questo tipo di lavori perché sono extra opache e quindi si possono utilizzare per realizzare diversi tipi di effetti: dallo shabby chic fino ai decapati, dai patinati agli etnici. Questa vernice, a formulazione acquosa, ha una elevata copertura e un forte potere aggrappante su tutte le superfici. Può essere usata senza problemi anche all’interno, non contiene infatti sostanze dannose alla salute e all’ambiente.
    Si consiglia l’impiego di almeno due mani.
    I colori a disposizione sono molti: amarena, frappé, nocciola, vaniglia, cocco, lattementa, anice, ginepro, tartufo e marzapane. Dipende tutto dal proprio gusto e dall’abbinamento con l’ambiente circostante.
    Per proteggere ancora meglio il legno da macchie e liquidi, si può anche trattare — dopo la verniciatura — con un olio protettivo. Consigliamo l’olio decorativo RO3000. Si tratta di una finitura che non crea pellicola e non modifica gli effetti ottenuti con la vernice.
icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

#colors
Vietri sul Mare, il più grande centro della costiera amalfitana, non è conosciuto solo per le bellezze naturali ma anche per le ceramiche.
Primo piano / Suggerimenti
Scopriamo insieme come sverniciare il legno in modo naturale. Le principali tecniche, gli attrezzi, i trucchi del mestiere per sverniciare velocemente e le pratiche ormai desuete.
News & Views
Il mercato dei vinili è ancora una nicchia, ma in costante aumento. E c'è sempre più gente che dedica un angolo della casa al giradischi.
News & Views / Primo piano
Il Milano Design Film Festival è un evento unico nel suo genere e porta in Italia film da tutto il mondo dedicati ad architettura e design.
News & Views
Protagonista dei cataloghi di arredamento e delle pagine delle riviste di design, il divano senape si abbina a moltissimi stili e colori.
News & Views / Primo piano
Nato nell'omonima città messicana, lo stile Mérida è frutto della fusione tra tradizioni e contemporaneità.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.