Una serie di elementi che rappresentano i colori con la g: un canarino, della cenere, dei fiori di amamelide, una perla, delle melegrane, della ghiaia, del ginepro, della grafite e una pietra di giada

Colori con la G: quali sono?

Gainsboro

Ritratto del pittore inglese Thomas Gainsborough con il colore che da lui prende il nome, il gainsboro
Il pittore inglese Thomas Gainsborough

Si chiama gainsboro un grigio chiaro che probabilmente (non è del tutto certo) prende il nome da un pittore inglese del ‘700, Thomas Gainsborough, che utilizzava spesso questa tinta.

icona_punti_vendita

I negozi di vernici
e i colorifici
più vicini a te

Giada

Una pietra di giada, su sfondo verde giada
La giada è una pietra ornamentale caratterizzata da un bel colore verde

Il color giada è un verde tendente al blu, caratterizzato da una grande saturazione. Prende il nome dall’omonima pietra, che appartiene ai silicati e proviene perlopiù dalla Cina.

Giallo

Una pennellata gialla su sfondo giallo
Una luminosa pennellata di giallo

Il giallo è, insieme al ciano e al magenta, uno dei tre colori primari sottrattivi (invece i cosiddetti primari additivi sono il verde, il rosso e il blu).
Il termine deriva dal francese antico jalne, che a propria volta si rifà al latino gălbĭnum, che significa verde-giallo.
Il pigmento giallo, prodotto con l’ocra, è stato uno dei primi a essere usati dall’uomo fin dalla preistoria.
Sia nel mondo animale che in quello umano, è segnale di pericolo: per noi attraverso gli appositi segnali, per gli animali grazie alla livrea di alcune specie, ad esempio le api e le vespe.

Giallo amamelide

Un rametto fiorito di amamelide su sfondo giallo
I fiori di amamelide

Il giallo amamelide è una particolare sfumatura tenue di giallo che deriva dal fiore della pianta che porta lo stesso nome.
Si tratta di un arbusto che si colora durante il periodo autunnale e porta con sé un fragrante profumo.

Giallo canarino

Un canarino giallo su sfondo giallo
In natura il canarino è verde: è diventato giallo per mutazione e selezione

Il giallo canarino è una sfumatura chiara e viva e si chiama così, ovviamente, per via del colore dei celebri uccellini.
Ma perché i canarini sono gialli? Allo stato naturale questi pennuti sono verdi ma, nel corso dei secoli, grazie a mutazioni e selezioni, sono stati preferiti quelli con un piumaggio caratterizzato dalla presenza di carotenoidi che danno alla livrea la sua particolare tonalità.

Giallo citrino

Due frutti di cedro su sfondo giallo
Il cedro dà il nome al giallo citrino

La gradazione di giallo simile a quella dei frutti del cedro viene chiamata giallo citrino.
È anche il colore dell’urina concentrata.

Giallo cromo

Un minerale di crocoite su sfondo giallo cromo
È grazie alla crocoite che è stato scoperto l’elemento chimico del cromo

Il giallo cromo è un pigmento inorganico naturale. Venne estratto per la prima volta nei primi dell’800 dal chimico francese Louis Vauquelin a partire dalla crocoite, un minerale composto da cromato di piombo. Vauquelin scoprì in questo modo l’elemento chimico cromo (il 24º della tavola periodica), che chiamò così perché colorava in modi diversi i suoi compositi.
Essendo molto tossico, nella produzione dei colori il giallo cromo è stato quasi completamente sostituito con altri pigmenti.

Giallo di cadmio

5 batterie ricaricabili al nichel-cadmio su sfondo giallo
Il cadmio è uno degli elementi usati per le batterie ricaricabili, chiamate anche “accumulatori nichel-cadmio”

Anche il giallo di cadmio è un pigmento inorganico. Deriva dal solfuro di cadmio ed è tossico.

Giallo di piombo e stagno

Un barattolo aperto di vernice gialla visto dall'alto, su sfondo giallo
Il giallo di piombo e stagno veniva prodotto fin dal Medioevo

Il giallo di piombo e stagno è un pigmento inorganico sintetico. È stato scoperto nel Medioevo e veniva chiamato anche zallolino, giallorino o giallolino. Molto usato nelle pitture dell’epoca, si ottiene dalla fusione di 3 parti di biossido di piombo e 1 parte di biossido di stagno. È tossico ed è solubile nell’acido citrico (il limone).

Giallo indiano

Della polvere di pigmento giallo indiano su sfondo dello stesso colore
Il pigmento giallo indiano si produceva con l’urina di mucca

Nell’India del ‘400 si produceva un pigmento organico ottenuto dall’urina di vacche che mangiavano foglie di mango. A questa venivano mescolati allume di potassio, solfato di magnesio, sali di ammonio e acqua. Si otteneva così un colore giallo tenue e aranciato: il giallo indiano.

Giallo limone

Due limoni, uno dei quali tagliato a metà, su sfondo giallo limone
Il giallo limone è una tonalità molto intensa e brillante

Il giallo limone ricorda il colore della buccia dell’omonimo frutto. È una sfumatura molto viva e intensa di giallo.

Giallo mostarda

Uno schizzo di senape a forma di zig zag su sfondo giallo mostarda
La mostarda è una salsa che si ottiene miscelando senape e aceto

Chiamato anche giallo senape, il giallo mostarda prende il nome dalla miscela di senape e aceto che forma la salsa detta mostarda. Questo colore caldo e terroso è diventato popolare negli anni ’70 e ’80 come colore per l’abbigliamento e la decorazione d’interni, ed è ritornato in auge negli ultimissimi anni.

Giallo Napoli

Un sarcofago dell'antico Egitto, decorato con geroglifici, su sfondo giallo Napoli
Questa sfumatura di giallo è una delle più antiche mai sintetizzate

Nonostante il nome, il giallo Napoli non c’entra nulla con la città campana. Si tratta di una sfumatura pastello tendente al camoscio, molto usata nei dipinti del ‘700/800. Composto di antimonato di piombo, è uno dei pigmenti sintetici più antichi. Lo usavano già gli antichi egizi.

Giallo paglierino

Della paglia secca su sfondo di color giallo paglierino
Il giallo paglierino è quello della paglia secca

Si usa dire giallo paglierino soprattutto in relazione all’urina (è il suo colore fisiologico) e al vino bianco.
Si chiama così perché assomiglia alla sfumatura di giallo della paglia secca.

Giallo pastello

Dei pastelli di varie gradazioni di giallo su sfondo giallo pastello
Dei pastelli di varie gradazioni di giallo

Il giallo pastello è un colore morbido e delicato che è stato molto popolare negli anni ’50 e ’60. Questa sfumatura è stata spesso utilizzata in abiti da cocktail, arredamento d’interni e decorazioni per matrimoni.

Giallo scuolabus

Uno scuolabus giallo statunitense su sfondo giallo scuolabus
Negli Stati Uniti gli scuolabus sono del loro tipico colore giallo fin dal 1939

Il colore tradizionale dei veicoli scolastici, negli Stati Uniti, è appunto il giallo scuolabus. Questa tinta brillante e vivace è stata scelta perché si distingue facilmente dal resto del traffico e aiuta a garantire la sicurezza dei bambini durante il tragitto da e verso scuola.
Negli USA gli scuolabus sono così dal 1939. Ad avere l’idea fu il dottor Frank W. Cyr, un docente della Columbia University, che in quell’anno organizzò una conferenza per uniformare a livello nazionale gli standard progettuali e costruttivi degli autobus scolastici del paese.

Giallo selettivo

Delle lampadine color giallo selettivo, su sfondo giallo
Il giallo selettivo è quello tipico dei fendinebbia delle auto francesi di qualche anno fa

Chi è stato in Francia, soprattutto in passato, ricorderà il particolare colore giallo dei fendinebbia delle auto. Quella precisa sfumatura di giallo è il cosiddetto giallo selettivo. Perché li facevano di quella tinta? La risposta la dà Wikipedia, che spiega: «Lo scopo del giallo selettivo è quello di migliorare la visibilità rimuovendo dalla luce proiettata le componenti dello spettro visibile ad alta frequenza quali il blu e il violetto. L’apparato visivo umano infatti ha difficoltà nel processare correttamente tali frequenze e ciò è causa di fenomeni di abbagliamento in presenza di pioggia, nebbia o neve».

Giallo uovo

Tre uova, due delle quali intere e una a metà, con tuorlo in vista, su sfondo giallo uovo
Il colore del tuorlo d’uovo dipende dall’alimentazione delle galline

Associato alla gastronomia, il giallo uovo deriva — com’è facile immaginare — dal colore del tuorlo. È un giallo pastoso e caldo.
I tuorli delle uova, tuttavia, non presentano sempre la stessa sfumatura, che dipende dall’alimentazione delle galline. Quelli dal colore più pallido sono indice di mangimi a base di orzo, grano e farina di mais. Quelli di un arancione più intenso, invece, sono frutto di un allevamento all’aperto e di un regime alimentare molto più vario.

Ginepro

Un rametto di ginepro con alcune bacche, su sfondo color ginepro
Delle bacche di ginepro con il loro caratteristico colore azzurro-verde

Ispirato a colore azzurro-verde dei galbuli (volgarmente chiamati bacche) dell’omonima pianta, appartenente alla famiglia delle Cupressaceae, il ginepro è anche una delle tonalità della linea di vernici a effetto materico Vintage Prestige di Rio Verde.
I galbuli di ginepro sono uno degli ingredienti con i quali si produce il gin.

Glauco

Primo piano di un'ara glauca su sfondo color glauco
L’ara glauca deve il suo nome al colore

Viene denominato glauco un ceruleo intenso o tendente al verde (spesso di usa come sinonimo stesso di ceruleo).
Deriva dal greco glaucós, cioè “brillante”, “lucente”.
La dea Atena veniva chiamata “la dea dagli occhi glauchi”.
Il glauco dà il nome anche ad alcuni animali che presentano questa colorazione, come ad esempio diversi uccelli, tra cui il gabbiano glauco e l’ara glauca.

Glicine

Dei fiori di glicine su sfondo dello stesso colore
Dei fiori di glicine

Il glicine è un colore viola pallido che prende il nome dalla pianta. Si ottiene unendo viola e bianco ed è molto apprezzato nel mondo della moda, della cosmetica e dell’arredamento.

Gommagutta

Un frutto di garcinia, pianta dalla quale si estrae la resina gommagutta
È dalle piante di garcinia che si estrae la resina detta “gommagutta”

La gommagutta è una resina di color oro intenso, estratta da alcune piante tropicali del genere Garcinia.
Si usa come pigmento per gli acquerelli e, sempre in pittura, per le velature. Fu molto utilizzata dai pittori fiamminghi a partire dal XVI secolo.

Grafite

Un carboncino con la sua traccia su un foglio scuro
Il grigio grafite è quello tipico delle matite

Dal tipico grigio scuro del minerale di grafite deriva l’omonimo colore. L’etimologia rimanda al greco grafo, ovvero “io scrivo”, essendo questo minerale — conosciuto fin dal ‘700— capace di lasciare tracce scure.
In polvere, come pigmento, è infatti impiegata per la produzione di vernici e per le mine delle matite.

Granata

Un frutto di melograno accanto agli arilli del frutto, su sfondo color granata
Derivante dalla melagrana, il granata è un colore molto apprezzato nel mondo dello sport

Una certa gradazione di rosso scuro, somigliante all’amaranto e al bordeaux, si chiama granata a causa della sua somiglianza con la tinta naturale degli arilli della melagrana.
È un colore che ha molto successo nel mondo dello sport, e figura nelle divise ufficiali e nei colori sociali di tante squadre, tra cui il Torino: la squadra di calcio del capoluogo piemontese viene infatti comunemente chiamata granata.

Grano

Del grando su sfondo color grano
Il grano è il colore del fumento

Grano viene detto il colore tipico del frumento. È un giallo pallido e caldo.

Greige

Una maglia color greige su sfondo della stessa tinta
Il greige è un’invenzione del mondo della moda e dell’arredamento

Il greige è una tinta molto recente. È stata introdotta negli anni ’90 in primis nel mondo della moda e dell’arredamento. Il nome combina “grey” e “beige” e indica, appunto, una sfumatura intermedia tra le due. È un neutro caldo che si presta bene alla combinazione con altri colori.

Grigio

Un pastello a cera grigio, su sfondo grigio
Un pastello grigio

Tinta neutra per eccellenza, il grigio deriva dal germanico gris, cioè “brizzolato” e “canuto”.
Colore di molti metalli, del cemento e del fumo, è spesso sinonimo di città, di inquinamento, di artificiale, opposto a colori più naturali come il giallo, il verde, l’azzurro, il rosso.
In realtà il grigio, nelle sue praticamente infinite varianti, è una delle tinte più presenti in natura, specialmente nel mondo animale.

Grigio antracite

Un minerale di antracite su sfondo dello stesso colore
L’antracite è il più antico carbone proveniente da resti vegetali preistorici

L’antracite è una tonalità molto scura del grigio, che prende il nome dall’omonimo carbone fossile (il termine proviene da ànthrax, che significa proprio carbone), proveniente da resti vegetali preistorici.

Grigio ardesia scuro

Una lastra di ardesia su sfondo giorgio ardesia scuro
L’ardesia viene utilizzata fin dall’antichità

Il grigio ardesia scuro è una tonalità più scura dell’ardesia, che prende il nome dalla pietra utilizzata fin dall’antichità per pavimentare le strade e le piazze delle città.

Grigio asparago

Degli asparagi su sfondo grigio asparago
Degli asparagi

Il grigio asparago deriva dall’unione tra grigio e il verde scuro delle punte degli asparagi. È una tonalità che recentemente ha avuto molto successo nel mondo del design di interni.

Grigio cenere

Un mucchio di cenere su sfondo grigio cenere
La cenere può avere molte sfumature divere

Prende il nome dalla cenere un grigio molto chiaro.

Grigio di Payne

Dell'acquarello color grigio di Payne
Il grigio di Payne deve il nome a un pittore inglese

Il pittore inglese William Payne era uno straordinario acquarellista e incisore vissuto tra il ‘700 e l’800. Fu lui a inventare una particolare sfumatura scura di grigio tendente al blu, oggi conosciuta come grigio di Payne e ottenuta mescolando diversi pigmenti, tra cui indaco e terra di Siena.

Grigio ghiaia

Dei sassolini di ghiaia su sfondo grigio
Il grigio della ghiaia

Il grigio ghiaia è un grigio medio vagamente tendente al giallo-verde, ispirato al colore della ghiaia.

Grigio perla

Una singola perla su sfondo grigio
Il grigio perla è un colore freddo e luminoso

Richiamando il colore delle perle, nella quasi infinita scala dei grigi il grigio perla si colloca nelle sfumature medie, luminose e fredde.

Grigio rosso chiaro

Una bottiglietta aperta di smalto per unghie color grigio rosa chiaro
Il grigio rosa chiaro è una tinta molto utilizzata per gli smalti per unghie

Il grigio rosso chiaro è una particolare sfumatura molto tenue di rosso usata principalmente nell’industria cosmetica e in quella tessile.

Grigio tè verde

Delle foglie di tè sminuzzate su sfondo color grigio tè verde
Combinando grigio e tè verde si ha il color grigio tè verde

Com’è facile immaginare, il grigio tè verde prende il nome dalle foglie di tè verde. Si tratta di un verde molto chiaro e tenue. Si usa specialmente come vernice pastello per interni.

Grigio topo

La testa di un topo spunta da un buco in un foglio o una parete di color grigio topo
Di solito dire che qualcosa è color “grigio topo” non è un gran complimento

Perlopiù utilizzato in senso dispregiativo per indicare un colore di capelli incerto e poco attraente, il grigio topo deriva dalla pelliccia di questi piccoli mammiferi.

Non solo colori con la G

La gamma di vernici materiche ad alto potere coprente Vintage Prestige di Rio Verde presenta una palette cromatica molto apprezzata e di tendenza.
Sono prodotti ad alta tecnologia, privi di sostanze dannose per ambiente e persone, e si possono usare senza carteggiare su molti materiali: legno, metallo, vetro, plastica, tessuto e muro.

icona_punti_vendita

I negozi di vernici
e i colorifici
più vicini a te

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

write_mail

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

News & Views / Primo piano
Forme insolite e colori terrosi, ma anche grandi classici: ecco le tendenze di quest'anno per le piastrelle: per bagno e cucina ma non solo.
#colors / Primo piano
Il Festival di Sanremo di quest'anno è stato piuttosto avaro in fatto di colori, perlomeno nelle canzoni presentate dagli artisti.
#colors / Primo piano
Il verde petrolio è uno dei colori più amati degli ultimi anni. Scopriamo come usarlo in casa e con quali colori si può abbinare.
#colors / Primo piano
Vecchi vasi e soprammobili possono diventare splendide composizioni da esporre, grazie a vernici che si possono impiegare su molti materiali.
News & Views
Dopo essere “esploso” sulle più recenti passerelle della moda, lo stile gorpcore sta per conquistare anche gli spazi domestici.
News & Views
Le tendenze per casa e arredo che vedremo nel 2024, tra nuovi fenomeni, continuazione di trend già visti negli ultimi anni e cicliche riproposizioni riviste...

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita