Un lussuoso salotto sui toni del lavanda con sofà, poltrone e un tavolino da caffè, tutto trapuntato, su un grande tappeto, con molti fiori e sullo sfondo una scala che sale al piano superiore

Quali saranno i colori per il 2023?

Come molti già sanno, ogni anno Pantone comunica quello che sarà il “colore dell’anno” per i 365 giorni successivi. Per questo 2022, ad esempio, la tinta scelta è il cosiddetto Very Peri. Ma l’azienda statunitense non è l’unica a lanciarsi in questa sorta di “previsioni del tempo” cromatiche. Sono molte, infatti, le realtà che azzardano previsioni di questo tipo, che sono frutto di grandi ricerche sulle tendenze più attuali ma anche parte di ben rodate strategie di marketing. C’è addirittura chi prova a fare previsioni più a lungo termine, come WSGN e Coloro, che già nel 2021 hanno definito una lista di quelli che saranno i colori per il 2023.
Vediamo di che si tratta.

Anche nel 2023 largo ai colori “digitali”

Spettro di colori digitali

Come funziona la ricerca sulle tendenze cromatiche? Ci sono fior di esperti, in tutto il mondo, il cui mestiere consiste nel captare i trend quasi nel momento stesso in cui nascono. È un vero e proprio lavoro di investigazione, che consiste nel cercare indizi laddove è più facile che questi spuntino fuori, cioè nelle arti visive, sulle passerelle delle sfilate, e soprattutto per le strade delle grandi metropoli globali (il cosiddetto street style). Come un detective mette insieme le prove per trovare un colpevole, questi esperti seguono gli indizi, individuano delle “piste” e a partire da quelle provano a tracciare dei probabili percorsi per definire i colori (ma anche i materiali, le linee, i pattern) che rappresenteranno lo zeitgeist del futuro prossimo.

Tra le più grandi realtà internazionali che si occupano di previsione di tendenze c’è la società britannica WSGN, che ha collaborato con Coloro — azienda che si occupa della catalogazione e di sistemi di identificazione dei colori (è specializzata in ambito tessile e moda) — per stilare una lista di cinque tinte per il 2023.
La principale è quella che è stata battezzata Digital Lavender, un lavanda dal sapore artificiale che proviene, appunto, dal mondo online. Questo è un aspetto particolarmente interessante dato che mette a sua volta in luce un tendenza sempre più evidente in questi ultimi anni. Mentre fino a qualche anno fa i “colori dell’anno” uscivano fuori dalla realtà fisica e materiale, di recente è dai pixel degli schermi che provengono le tinte più gettonate. Qualche esempio: il già citato Very Peri e il cosiddetto verde zoomer, che sta iniziando a spopolare.

Il 2023 sarà l’anno del Digital Lavender?

Angolo di una cucina con mobili sui toni del lavanda. Si intravede un'isola centrale

Il Digital Lavender richiama appunto le sfumature dei fiori di lavanda, ma con un tono decisamente più “elettronico”. È una tinta che online è già ben presente da qualche tempo e pian piano — secondo WSGN e Coloro — uscirà dai confini dello schermo per posizionarsi negli arredi delle case, illuminare ambienti, decorare negozi e uffici, arrivare sugli abiti che indossiamo.

La responsabile dei contenuti di Coloro, Joanne Thomas, ha dichiarato che «Man mano che i consumatori trovano sollievo e conforto nello spazio virtuale, l’influenza dei videogiochi e delle realtà virtuali diventerà onnicomprensiva, distorcendo i confini tra la nostra esistenza online e offline. Digital Lavender, il nostro colore dell’anno per il 2023, significa stabilità, serenità ed evasione digitale, che molti di noi hanno incorporato nei propri rituali di recupero per proteggere e migliorare la nostra salute mentale in tempi difficili».

Come abbinare il Digital Lavender

Sala dai pranzo elegante tutta sui toni del lavanda, richiamati soprattutto dalle sedie, dal mobile-vetrinetta sulla parte e dal tappeto sotto al tavolo

Questo lavanda digitale si sposa perfettamente con i toni del rosa e del bianco, con accenti metallici anche questi tendenti al rosato.
Nella gamma di prodotti Rio Verde di Renner Italia abbiamo le vernici giuste. Il bianco e il rosa possono essere ottenuti con il color Cocco e il color Frappè della vernice per effetti materici Vintage Prestige, che si usa anche senza carteggiare ed è molto coprente.
Si tratta di un prodotto a base acquosa, inodore e a scarse emissioni COV. Si può applicare su diversi materiali: legno, metallo, vetro, muro, plastica e stoffa.

Con le medesime caratteristiche, ma a effetto metallizzato, ci sono le vernici Golden Prestige. In questo caso le più adatte sono l’Oro Rosa, l’Oro Giallo e l’Oro Bruno.

Gli altri colori del 2023

Oltre a Digital Lavender sono state presentate altre quattro tinte. Vediamo quali sono e come abbinarle.

Luscious Red

Cucina moderna e minimale sui toni del bianco e del rosso

È definito come “iperreale”, immersivo e sensoriale. Un rosso non troppo intenso, quasi pastello, cangiante e accogliente come una tisana calda o un fiore appena sbocciato. Delicato, ma con personalità.

Si abbina bene ai toni del bianco, del nero e del legno naturale. Nella linea Vintage Prestige consigliamo il bianco Cocco e il grigio Tartufo.

Sundial

Salotto moderno con arredi in stile scandinavo: ci sono una poltrona tappezzata con pattern multicolore davanti a un muro in mattoncini grezzi, un tavolino da caffè bianco e una poltrona ocra. Si vede, nella stanza dietro, una sala da pranzo tutta sui toni dell'ocra

Significa “meridiana” e ricorda l’ocra, la terra e la semplicità, la polvere che si attacca ai vestiti durante una passeggiata in montagna, il colore dei vasi in giardino e della sabbia. Tra i cinque, è quello che rappresenta di più il mondo fisico e naturale.

Per gli abbinamenti: legno naturale, bianco (va bene il Cocco di Vintage Prestige), grigio Marzapane e verde Lattementa.

Tranquil Blue

Cucina in stile mediterraneo sui toni dell'azzurro e del legno naturale, con isola centrale e quattro sgabelli

È un blu che porta con sé, fin dal nome, un senso di calma e di chiarezza. Molto simile al Digital Lavender ma più tendente all’azzurro, ovviamente tenue e delicato. Come il cielo nelle giornate che si affacciano alla primavera, con la luce fioca e i colori che si risvegliano dal lungo inverno.

Si presta bene con arredi dallo stile mediterraneo e provenzale e si sposa con il legno naturale il bianco Cocco di Vintage Prestige e gli altri toni di blu e di verde della nostra linea, come Ginepro, Anice e Lattementa.

Verdigris

Scorcio su una camera da letto con parete e boiserie sul verde. Il letto è minimale e in legno naturale, con biancheria di vari colori, dal verde al rosa

È un verde retrò e rinvigorente. Dà l’idea di solidità, certezza, sicurezza. Ricorda le stoffe dei vecchi cappotti, le pietre della bigiotteria della nonna, le finiture di arredi di pregio di inizio ‘900.

Qualunque sia lo stile d’arredo — dall’essenziale al più barocco — si abbina bene al rosa Frappè, al Lattementa e al grigio Marzapane della nostra linea Vintage Prestige.

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

En plein air / Primo piano
Con lo smart working in aumento, c'è sempre più richiesta di spazi domestici in cui lavorare. Il garden office può essere una soluzione.
Primo piano
Il mordente per legno è un tipo di prodotto che si usa per cambiare colore mantenendo visibili le venature del legno.
#colors
Conosciuta come la “Venezia polacca” e la “città degli gnomi”, Breslavia è anche celebre per i suoi splendidi edifici color pastello.
#colors
Meglio toni caldi o freddi? Ecco alcuni consigli per i colori della cucina, in base a spazi e gusti e sempre alla ricerca dell'equilibrio.
News & Views / Primo piano
Una delle strategie più gettonate dagli interior designer su Instagram è evidenziare una singola parete di un ambiente: ecco il feature wall.
News & Views / Primo piano
Considerato sinonimo di opulenza ed eccesso, il barocco è ritornato in forma contemporanea e più essenziale: il barocco moderno.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita