Salotto in transitional style con pareti decorate con stucchi e cornici, grande lampadario di cristallo, quadri moderni alle pareti, sofà sul blu, come due poltrone, mentre un altra è color panna. Al centro della stanza un tappeto con tavolino da caffè circolare in legno e metallo dorato

Che cos’è il “transitional style”?

Spesso confuso con lo stile eclettico, il transitional style, o stile di transizione, mette insieme classico e moderno in maniera molto sottile ed elegante.

Da dove arriva il transitional style

Sala da pranzo sui toni del legno e dell'azzurro pastello, con mobili d'epoca e vasi di porcellana blu, stampe naturalistiche appese alle pareti, grande tavola da pranzo essenziale e sedie imbottite

«Non sei un progressista né un conservatore. Ti piacciono i cani e i gatti e non hai preferenze riguardo alla Coca-Cola o alla Pepsi. Sei un uomo medio senza essere un uomo medio. In breve, ti piacciono le cose piacevolmente moderate e che non interferiscono troppo con la tua routine quotidiana. Vuoi la spontaneità, ma non necessariamente l’inaspettato. Di conseguenza, la tua casa probabilmente non sarà né troppo tradizionale né ultra contemporanea. Questo, mio caro amico, è l’arredamento “transitional”».
Erano i primi anni 2000, e su un ormai scomparso forum dedicato all’arredamento apparve un post che descriveva efficacemente il cosiddetto transitional style, caratterizzato da un certo gusto per abbinare classico e moderno, dettagli curati e semplicità, comfort e funzionalità ma anche una non eccessiva, elegante bellezza.

Salotto arredato in transitional style, sui toni del tortora, con sofà e poltrone con linee tradizionali, libreria in metallo, tavolino da caffè in stile industriale, due grandi quadri con fotografie e due luminose finestre a due lati della stanza

Nato negli Stati Uniti degli anni ’50 in reazione al minimalismo, il transitional style non disdegnava l’arredamento moderno ma ne stemperava gli eccessi con più rassicuranti elementi presi dal passato. In pratica, bando alla scomodità e alla rigidità dei sofà minimali, viva il divano della nonna, magari in salotti con quadri d’arte astratta.

Mai davvero passata di moda, questa tendenza è tornata prepotentemente in auge negli ultimissimi anni, in un periodo in cui — complici i lockdown durante la pandemia — si celebra la sobrietà. Anche nella moda — che spesso precorre i tempi — ci si è allontanati dagli eccessi: è lo stile “new normal”, come viene chiamato, reso evidente anche da serie tv come Succession dove protagonisti ricchissimi si vestono con capi assai costosi, sì, ma per nulla appariscenti.

icona_punti_vendita

I negozi di vernici
e i colorifici
più vicini a te

In cosa consiste il transitional style

Grande salotto con sala da pranzo sui toni del legno e del grigio, arredato in transitional style, con divano bianco, grande tavolino da caffè moderno in legno e metallo, luce da terra in metallo verniciato di bianco che forma una minimalistica composizione floreale, tavolo e sedie in stile scandinavo e mobile tv in legno

Ecco di seguito alcune caratteristiche. Non si tratta di regole ferree ma di consigli. Sta a voi capire se rispettarli o meno, tutti o solo una parte. L’importante è trovare l’equilibrio e non eccedere mai, né in quantità né in tipologia di arredi.

Bagno arredato in transitional style, tutto sui toni del bianco, con doccia a giorno moderna, vasca da bagno dalle linee contemporanee, piastrelle alle pareti e sul pavimento e mobile bagno in legno in stile tradizionale

  • Abbinare elementi classici ed elementi contemporanei, sempre all’insegna della funzionalità: ad esempio sempre meglio scegliere sedute comode, a prescindere dall’epoca e dallo stile.
  • Scegliere un solo “punto focale” nella stanza. Può essere un divano, una libreria, un tavolo, una credenza, ma anche un soprammobile.
  • Combinare linee curve e linee dritte.
  • Non eccedere in decorazioni e, in generale, non riempiere troppo gli ambienti.
  • Come colori, privilegiare i toni neutri: i bianchi, i grigi, i beige. Una certa uniformità cromatica permette di amalgamare meglio stili differenti.
  • Eventuali toni d’accento, più accesi, vanno riservati ai quadri piuttosto che a pareti, pavimenti, mobili e tappezzeria.
  • Gli elementi in legno sono preferibilmente non verniciati. Si possono trattare con finiture trasparenti come quelle della gamma Rio Verde di Renner Italia, a effetto lucido, a effetto opaco e a effetto naturale. Tuttavia, si può pensare anche di adoperare vernici coprenti, come quelle a effetto materico Vintage Prestige, sempre di Rio Verde, magari nei toni del Nocciola, del Vaniglia, del Marzapane o del Tartufo.
  • Le texture sono molto importanti. È bene combinarne di differenti, per creare profondità e giochi di luce anche in caso si scelga di arredare all’insegna della monocromia.
  • Largo uso di vetro e pezzi metallizzati in stile moderno o industrial, soprattutto in abbinamento a mobili più classici in legno. In questo caso potrà tornare utile una vernice metallizzata come Golden Prestige, che si può impiegare su molti materiali diversi ed è disponibile in vari colori.

La differenza tra transitional style e stile eclettico

Salotto-ufficio in transitional style sui toni del bianco, con grandi finestre, sofà, grande tappeto con sopra una scrivania, sedia da ufficio in pelle nera, librerie, console bianca e lampadario sferico metallizzato con struttura minimale

Se lo stile eclettico mette insieme moderno e antico all’insegna dell’eccentricità e dei colori accesi, concedendosi anche elementi etnici, il transitional style, come già detto, punta sulla moderazione e sui toni neutri. Possiamo considerarlo come il “cugino calmo” dello stile eclettico: più posato, più sobrio, meno chiassoso, più… normale. Ma non fatevi ingannare dalle apparenze: per raggiungere una equilibrata normalità serve tanto, tanto lavoro.

Salotto sui toni scuri del turchese, con due divani in pelle con impunture, console con tre sedie, tavolo da caffè moderno, lampadario classico, e quadri astratti alle pareti

icona_punti_vendita

I negozi di vernici
e i colorifici
più vicini a te

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

write_mail

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

News & Views / Primo piano
Molto utilizzati in arredi d'ispirazione industriale, gli armadietti metallici si abbinano a diversi stili di interior design.
#colors / News & Views / Primo piano
Sempre più diffusa, la cucina nera è sinonimo di eleganza e si può abbinare a molti stili di arredo e con molti altri colori.
Primo piano
Talvolta è difficile orientarsi nella moltitudine di stili di arredamento contemporanei. Ecco quindi spiegati i più diffusi degli ultimi anni.
#colors / Primo piano
A lungo ostracizzato nel design di interni, l'arancione, in tutte le sue sfumature, è il grande protagonista degli ultimi anni.
Primo piano
Senza tempo e sempre elegante, nella sua essenzialità, lo stile Mid-Century non passa mai di moda e si può integrare in molti stili d'arredo.
#colors / Primo piano
Fresco e duttile, il verde acqua (o acquamarina) può essere usato in tutte le stanze della casa, abbinato a molti colori.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita