Attraverso una porta a vetri semiaperta si vede parte di un salotto con pareti bianche e grandi finestre, arredato con un divano e delle poltrone in stile modernista Mid-Century

Lo stile Mid-Century: un viaggio nell’eleganza modernista

Lo stile Mid-Century ebbe origine nel periodo compreso tra gli anni ’40 e gli anni ’60 del Novecento.
All’epoca non era percepito come un vero e proprio movimento e il nome è stato coniato solo molti anni dopo, nel 1984, dalla critica del design Cara Greenberg nel suo fondamentale libro Mid-Century Modern: Furniture of the 1950s. L’etichetta Mid-Century, ovvero la metà del secolo, deriva proprio dall’epoca. Viene spesso abbreviato come MCM, cioè Mid-Century Modern.

È stato uno degli stili più iconici e influenti del secolo scorso e continua a rappresentare il concetto stesso di “classico senza tempo” per via della sua perfetta unione tra funzionalità, semplicità, impeccabile progettazione.

Origine ed evoluzione dello stile Mid-Century

Angolo di un salotto in stile modernista Mid-Century, con poltrona in compensato piegato, vaso in ceramica con pianta e separé in legno

Si sviluppò inizialmente negli Stati Uniti, come reazione al design tradizionale. Ebbe, tra le sue maggiori influenze il modernismo europeo e, soprattutto, la scuola tedesca Bauhaus. Con l’avvento del nazismo in Germania, infatti, molti docenti ed ex studenti del prestigioso istituto, fondato a Weimar nel 1919 da Walter Gropius, emigrarono negli USA, lasciando un’impronta profonda sull’architettura, il design e la grafica statunitensi.
Un ruolo tutt’altro che secondario nello sviluppo del modernismo Mid-Century lo ebbero l’introduzione o lo sviluppo di materiali e tecnologie, come ad esempio l’uso del compensato modellato e piegato o il vetro temperato.

Nell’ambito del design, è stato uno degli stili più importanti dell’intero XX secolo, e alcuni degli arredi progettati in quel periodo — o che ad essi si ispirano — sono tuttora nei cataloghi delle più importanti aziende.
Nel corso degli anni, lo stile Mid-Century si è evoluto, adattandosi ai cambiamenti sociali e culturali, ma conservando sempre il suo fascino intramontabile ed elegante.

Tra i nomi più importanti troviamo Marcel Breuer, Eero Saarinen, Charles e Ray Eames, George Nelson, Isamu Noguchi, Hans e Florence Knoll.
Elementi di questo stile li possiamo rintracciare nel minimalismo contemporaneo, nell’industrial, nello stile eclettico, in quello scandinavo, nel transitional, nel new classic, nel color block e nel japandi.

icona_punti_vendita

I negozi di vernici
e i colorifici
più vicini a te

Caratteristiche distintive: minimalismo ed eleganza senza tempo

Una consolle in legno in stile modernista Mid-Century con sopra quadri, oggetti, una lampada, un computer, in una stanza bianca con pareti con modanature e cornici e un vaso bianco con una grande pianta

Le caratteristiche del modernismo Mid-Century sono:

  • linee pulite ed essenziali: bando al superfluo;
  • geometrie fluide e semplici;
  • funzionalità;
  • eleganza senza tempo;
  • arredi dai contorni ben definiti e spesso curvi;
  • unione di materiali naturali e artificiali: legno, metallo, pelle e marmo possono sposarsi con lucite, materiali plastici e fibra di vetro;
  • uso di essenze legnose scure, come il teak o il noce;
  • predilezione per l’orizzontalità: larghi divani, lunghi tavoli, ampie consolle;
  • per gli spazi: fusione tra interno ed esterno;
  • accostamento tra colori neutri e tinte accese (questo lo approfondiremo nel prossimo paragrafo).

Arredare in stile Mid-Century: colori, materiali ed estetica

Stanza con elementi in stile modernista Mid-Century con libreria in legno, scrivania, sedie, vinili appesi al muro

I colori predominanti in questo stile sono tonalità neutre come il bianco, il grigio e il beige, spesso accostate a colori vivaci come il giallo senape, l’arancione bruciato, il blu, l’ottanio, il verde smeraldo. La palette è tendenzialmente calda e molti dei colori usati sono di grande tendenza in questi ultimi anni.

Per quanto riguarda i materiali, il legno è un elemento fondamentale nell’arredamento Mid-Century, con l’utilizzo, come già accennato di essenze scure come il teak e il noce. Vetro e il metallo (specialmente l’acciaio cromato) sono spesso impiegati in abbinamento al legno. Così come la pelle, ma non mancano elementi in materiali plastici.

Le case arredate in questo stile sono concepite come spazi aperti, luminosi. L’atmosfera suggerisce equilibrio e razionalità ma anche ottimismo e convivialità (il salotto è il centro assoluto della casa modernista Mid-Century).

Film e serie tv per (ri)scoprire questo stile

Parte di un luminoso e grande salotto con arredi di recupero e sedute in stile modernista Mid-Century come un grande divano in pelle nera e, dello stesso materiale, una poltrona nera

Sono molti i film in cui ritrovare stanze e arredi in stile modernista Mid-Century, da quelli prodotti proprio in quel periodo fino a pellicole più recenti e a serie tv contemporanee ambientate a metà ‘900 o giù di lì.
Tra questi:

  • Intrigo internazionale, del 1959, diretto dal grande Alfred Hitchcock;
  • la saga di James Bond: soprattutto i primi film, come Agente 007 – Licenza di uccidere (1962), Agente 007 – Missione Goldfinger (1964), Agente 007 – Si vive solo due volte (1967), Agente 007 – Una cascata di diamanti (1971);
  • Gli Incredibili, film d’animazione del 2004: molti degli arredi, anche quelli più futuristici, sono ispirati al modernismo statunitense degli anni ’50;
  • Mad Men, serie tv andata in onda tra il 2007 e il 2015 e ambientata nel mondo dei pubblicitari newyorkesi degli anni ’60;
  • La fantastica signora Maisel, serie tv uscita tra il 2017 e il 2023. Racconta di una casalinga che si riscopre un talento comico. Le vicende si svolgono tra la fine degli anni ’50 e i primi anni ’60.

Suggerire il modernismo Mid-Century con alcuni prodotti Rio Verde

Stanza con parete bianca con divano in tessuto blu in stile modernista Mid-Century con un cuscino giallo e uno rosso, poltrona in legno, quadro astratto sopra il divano e un paio piante

Al di là dei pezzi iconici originali, si può suggerire un’estetica modernista Mid-Century anche con arredi, complementi e accessori non propriamente etichettabili come parte di questo stile.
Basta usare i prodotti e i colori giusti, come ad esempio l’uso di un impregnante per scurire il legno, o una vernice coprente metallizzata come Golden Prestige (nella tonalità Oro Bianco) di Rio Verde per le parti in metallo.

icona_punti_vendita

I negozi di vernici
e i colorifici
più vicini a te

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

write_mail

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

#colors / News & Views / Primo piano
Sempre più diffusa, la cucina nera è sinonimo di eleganza e si può abbinare a molti stili di arredo e con molti altri colori.
Primo piano
Talvolta è difficile orientarsi nella moltitudine di stili di arredamento contemporanei. Ecco quindi spiegati i più diffusi degli ultimi anni.
#colors / Primo piano
A lungo ostracizzato nel design di interni, l'arancione, in tutte le sue sfumature, è il grande protagonista degli ultimi anni.
Primo piano
Senza tempo e sempre elegante, nella sua essenzialità, lo stile Mid-Century non passa mai di moda e si può integrare in molti stili d'arredo.
#colors / Primo piano
Fresco e duttile, il verde acqua (o acquamarina) può essere usato in tutte le stanze della casa, abbinato a molti colori.
#colors / Primo piano
Le tonalità terrose sono le “star” dell'interior design degli ultimi anni: tra loro, un posto speciale ce l'ha il color terracotta.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita