Luminoso salotto arredato in stile organic modern, con mobili in legno, palette neutra chiara e calda, divano dalle linee arrotondate, tavolo da caffè, circolare, tappeto in tessuto naturale, piante e grande finestra

Lo stile organic modern

Tornato a galla negli ultimi anni, lo stile organic modern ha in realtà origine quasi un secolo fa e nel corso dei decenni si è evoluto attraverso la contamninazione con altri stili. Essenziale ma accogliente, senza fronzoli ma elegante, si può definire come un “minimalismo caldo”, caratterizzato dall’uso di materiali e linee naturali.

Da dove viene lo stile organic modern?

Poltrona in stile scandinavo davanti a una grande finestra affacciata su un giardino, in una luminosa stanza con pavimento in legno e molte piante

Le origini si possono rintracciare nel pensiero e nell’opera di uno dei più grandi architetti del XIX e del XX secolo: lo statunitense Frank Lloyd Wright. Fu lui a ideare la cosiddetta architettura organica, che sistematizzò nel libro del 1939 An Organic Architecture: The Architecture of Democracy e che definì così:
«Organica è un’architettura che si sviluppi dall’interno all’esterno, in armonia con le condizioni del suo essere, distinta da un’architettura applicata dall’esterno. Ambiente ed edificio sono una cosa sola; piantare gli alberi nel terreno che circonda l’edificio, quanto arredare l’edificio stesso, acquistano un’importanza nuova, poiché divengono elementi in armonia con lo spazio interno nel quale si vive. Il luogo (la costruzione, l’arredamento) – e anche la decorazione, e anche gli alberi – tutto diviene una cosa sola nell’architettura organica. Tutti gli aspetti dell’abitare devono confluire in una sintesi con l’ambiente esterno».

A contribuire a portare avanti il discorso furono, negli anni successivi, designer e architetti come i finlandesi Alvar Aalto e Eero Saarinen, gli statunitensi Charles e Ray Eames e l’ungherese Marcel Breuer.
Per quanto riguarda l’interior design, fu seminale una mostra organizzata dal MoMA di New York nel 1941. Intitolata Organic Design in Home Furnishings, che fece appunto conoscere al mondo Saarinen, Eames, Aalto e Breuer.

Nell’attuale interpretazione dell’organic modern, confluiscono anche le influenze dello stile scandinavo, del Mid-Century Modern e del boho chic.

Caratteristiche dello stile organic modern e consigli per arredare

Dettaglio di un lavandino circolare in pietra con supporto in legno dalle linee organiche, in un bagno arredato in stile organic modern

  • Materiali naturali: legno, pietra, terracotta, ceramica, bambù, vimini, rattan, tessuti come lino, juta e cotone grezzo. C’è tuttavia spazio anche per il metallo e il vetro, per gli elementi d’accento come le maniglie, le lampade e le cornici.
  • Linee organiche: mobili e decorazioni con forme morbide e linee curve, ispirate alla natura, a contrasto con gli spigoli e le linee rette del minimalismo contemporaneo.
  • Elementi funzionali: bando al “decorativismo”, gli oggetti e gli arredi sono scelti per la loro funzionalità.
  • Arredi in legno con finiture naturali, non lucide, come la finitura a effetto naturale RO 3000 di Rio Verde, che decora e protegge il legno mantenendone il suo aspetto originale.
  • Minimo uso delle decorazioni: bastano pochi ma significativi elementi che riflettano il tema naturale e moderno.
  • Uso di diverse texture: lisce, ruvide, pietrose, legnose, metalliche… Aiutano a creare profondità e danno più naturalezza all’insieme.
  • Mobili orizzontali, come console e tavoli lunghi.
  • Equilibrio tra pezzi di design organico e mobili minimal.
  • Luce naturale: si tende a sfruttarla al massimo, con grandi finestre e tendaggi assenti o molto sottili. Proprio attraverso le finestre — pensate come cornici del paesaggio circostante — si cerca una continuità tra esterno e interno.
  • Piante: anch’esse vanno a creare un ideale dialogo tra dentro e fuori.

I colori

Ambia stanza da letto in ambiente industriale, arredata secondo i principi dello stile organic modern, con elementi in legno e in materiali naturali. Il letto è realizzato con dei pallet

La palette dell’organic modern è composta soprattutto da colori neutri caldi. Quindi i toni del bianco, l’écru, i beige, i tortora, i grigi contaminati da una punta di giallo o di rosso.

Largo anche a tinte più accese, specialmente come colori secondari: verde oliva, verde muschio, terracotta, i toni profondi del blu, i gialli terrosi e bruciati, il marrone cioccolato.

In conclusione

Dettaglio di un divano in stoffa chiara, con cuscini di diverse tonalità di beige e marrone con differenti texture e tessuti, in un salotto in stile organic modern

Molto vicino alle odierne preoccupazioni relative alla sostenibilità e all’ambiente, l’organic modern crea un perfetto equilibrio tra lo spirito minimalista contemporaneo e la ricerca di un ambiente accogliente in cui potersi rilassare ed entrare in contatto con la natura.

icona_punti_vendita

I negozi di vernici
e i colorifici
più vicini a te

icona_punti_vendita

La vernice
giusta?

Il colore
preferito?

Ci vediamo
in negozio

write_mail

Come
verniciare?

Il miglior
prodotto?

L'esperto
risponde

Potrebbe interessarti anche

#colors / Primo piano
Sobrio ed elegante, il blu avio è un colore per tutte le stagioni, che sa non farsi notare ma sa anche spiccare come tonalità d'accento.
News & Views
Fusione tra modernismo, minimalismo, stile scandinavo e boho chic, lo stile organic modern sposa le linee e i materiali naturali.
#colors
L’eccesso di bianco rischia di appiattire una stanza, ma l’uso di varie tonalità di bianco permette di dare più profondità.
#colors / Primo piano
Con le sue note terrose, il giallo ocra è uno dei colori preferiti per l'arredamento contemporaneo. Vediamo come abbinarlo.
News & Views / Primo piano
Molto utilizzati in arredi d'ispirazione industriale, gli armadietti metallici si abbinano a diversi stili di interior design.
#colors / News & Views / Primo piano
Sempre più diffusa, la cucina nera è sinonimo di eleganza e si può abbinare a molti stili di arredo e con molti altri colori.

Ispirati sul blog del colore

Richiedi consulenza gratuita

Lascia la tua email*
logo_renner_italia

Renner Italia S.p.A.

Via Ronchi Inferiore, 34 – 40061 Minerbio (BO) Italia
Tel +39 051 6618211 | Fax +39 051 6606312 | info@renneritalia.com

Capitale sociale Euro 5.250.000 i.v. – Registro imprese BO C.F/P. Iva: 02433001209 – R.E.A. 439235 – Codice meccanografico BO052481

Ispirati sul blog del colore
Richiedi consulenza gratuita